- Disegno & Pittura - https://www.disegnoepittura.it -

Le vernici finali disponibili in commercio

Vernice Finale

Le vernici sono composti liquidi formati da uno o più resine e da un solvente ed hanno diversi impieghi nella pittura a olio. Possono essere usati per creare medium, vernici finali o da ritocco. In quest’articolo faremo una panoramica delle vernici disponibili in commercio.

Classificazione delle vernici in base al solvente

Le vernici possono essere classificate in quattro categorie distinte in funzione del tipo di solvente impiegato:

Le vernici all’acqua sono vernici il cui solvente è l’acqua. Generalmente, sono usate come vernici da ritocco o per verniciare provvisoriamente un dipinto. Due esempi classici di vernici all’acqua sono: la vernice a chiara d’uovo [1] e quella a base di gomma.

Le vernici a spirito usano l’alcol come solvente. Questo tipo di vernici trovano impiego nell’ambito della pittura a tempera.

Le vernici agli oli essenziali sono quelle maggiormente impiegate nell’ambito della pittura a olio. Le più note vernici in questa categoria sono: damar, mastice, copale e ambra. Tutte queste vernici si ottengono diluendo la resina naturale da cui prendono il nome con l’essenza di trementina. Si trovano in commercio già pronte all’uso oppure è possibile prepararle da se.

Le vernici agli oli grassi sono generalmente composte da una resina, un olio essenziale (trementina) e un olio. Non avendo un così largo utilizzo eviterò di parlarne ulteriormente.

Vernici finali e da ritocco

Vernice da Ritocco Vibert
Le vernici da ritocco si utilizzano durante l’esecuzione di un dipinto per ritoccare un’area già asciutta e fare in modo che il nuovo colore non appaia diverso da quello sottostante. Si possono usare anche per eliminare un prosciugo o per verniciare temporaneamente un dipinto prima che siano trascorsi sei mesi dalla data di completamento. Queste vernici avendo un maggiore quantitativo di solvente consentono all’olio di completare il processo di polimerizzazione fino all’asciugatura completa.

Le vernici finali, invece, si applicano dopo almeno sei mesi dal completamento del dipinto per proteggerlo, rendere l’aspetto della superficie uniforme e priva di prosciughi. Avendo queste ultime una maggiore quantità di resina non consentono all’olio di polimerizzare e asciugarsi completamente. Ecco perché bisogna aspettare che l’olio impieghi almeno sei mesi prima di applicare questo tipo di vernice.

Vernici naturali e sintetiche

Le vernici possono essere classificate anche in base al tipo di resina utilizzata: sintetica o naturale. Le vernici naturali più conosciute sono quelle già citate sopra. Le vernici sintetiche, invece, sono ottenute mediante processi industriali ed è difficile dire esattamente i materiali con cui vengono state realizzate. Per la mia personale esperienza il costo delle vernici sintetiche è un pochino più ridotto e danno spesso meno problemi di quelle naturali.

Perché si vernicia un dipinto?

Risponderò a questa domanda con un’immagine che vale più di mille parole. Nella foto puoi osservare un quadro prima e dopo la verniciatura. Quale dei due appenderesti nel salone di casa tua? Sicuramente il secondo.

Vernice finale su un dipinto ad olio

Finito un quadro è frequente avere aree più brillanti e altre opache. L’uso della vernice darà al tuo dipinto una superficie uniforme ravvivando i colori dello stesso.

La verniciatura ha anche una seconda funzione altrettanto importante: proteggere la superficie del dipinto.

La vernice protegge il dipinto da agenti atmosferici e dai graffi e ne favorisce la pulizia. La vernice che si usa per verniciare un dipinto deve, generalmente, avere quattro caratteristiche:

  1. Grado di brillantezza. Le vernici disponibili in commercio possono essere: brillanti, opache o satinate. La scelta dipende dai gusti.

  2. Siccatività. Generalmente le vernici devono seccare in tempi abbastanza ristretti.

  3. Removibilità. Questa è la meno nota tra le caratteristiche ma non meno importante. Le vernici essendo esposte alle polveri e agenti atmosferici negli anni possono deteriorare l’aspetto del dipinto. In questi casi i restauratori possono dare nuova vita al dipinto utilizzando appositi solventi che rimuovono lo strato di vernice deteriorato per applicarne uno nuovo.

  4. Trasparenza. La vernice deve essere quanto più incolore possibile per non alterare i colori sottostanti del dipinto.

Il Liquin come vernice finale

Liquin Original

In tempi recenti è sempre più frequente osservare come molti pittori utilizzano il Liquin Original come vernice finale. Il Liquin Original è veramente semplice da applicare e l’effetto estetico è molto gradevole. Il problema è che il Liquin Original non è stato progettato per essere utilizzato come vernice finale, bensì come medium. Non svolge alcun ruolo protettivo e non è removibile, la stessa Winsor & Newton ne sconsiglia l’uso come vernice finale [2].

Vernici brillanti, opache e satinate

In precedenza ho elencato le quattro caratteristiche che deve avere una vernice, tra queste c’è il grado di brillantezza. Molte opere del passato utilizzavano vernici brillanti composte da resine naturali come l’ambra o mastice. Oggi sembra che sia di moda l’uso di vernici opache o satinate. La scelta, il più delle volte, dipende dai gusti.

Vernici disponibili in commercio

Le vernici disponibili in commercio che ho testato personalmente sono le seguenti.

Quali vernici acquistare?

Dopo questa panoramica non abbiamo ancora detto quale vernice conviene acquistare. La mia personale classifica è la seguente:

Leggi gli altri articoli della serie Materiali per pittura ad olio [4].