Materiali per pittura ad olio

Materiali per pittura ad olio

I materiali per pittura ad olio realmente necessari sono davvero pochi: tela o altro supporto per dipingere, colori, tavolozza, pennelli, olio e solventi. Ci sono poi dei materiali che anche se non realmente necessari aiutano non poco come: una o più spatole, un buon cavalletto e qualche medium.

Tutti questi materiali puoi acquistarli in qualsiasi negozio di Belle Arti oppure su Internet.

I Materiali per pittura ad olio disponibili in commercio

In questa sezione cercherò di fare una panoramica dei vari materiali disponibili in commercio. Nella successiva sezione elencherò i materiali che utilizzo.

Supporti per Dipingere

Pennelli

Colori ad olio

Cavalletti, Spatole, Medium e Solventi

Tavolozza dei colori

Oli

Vernici disponibili in commercio

I Materiali che utilizzo

Generalmente io dipingo in un garage molto grande dove ho allestito i materiali che uso per dipingere, che sono:

  • Tela di Lino

    Nel negozio di fiducia dove mi rifornisco le tele di lino le vendono in forma grezza già montate su telaio oppure da montare da se. Esistono in commercio anche tele di lino già pronte.

    Tela di Lino Grezza

  • Colori ad olio Maimeri Artisti da 20 ml

    Colori a olio Maimeri Artisti da 20 ml. Consiglio l’acquisto dei seguenti colori: giallo cadmio chiaro, giallo indiano, arancio cadmio, rosso cadmio chiaro, carminio permanente, violetto di cobalto, blu oltremare, blu cobalto, verde cadmio chiaro, verde vescica, ocra gialla, terra di siena naturale, terra di siena bruciata, terra d’ombra bruciata, nero avorio, e terra d’ombra naturale. Se sei alle prime armi puoi cominciare con i colori Colori a Olio Maimeri Classico.

    Colori ad olio - Maimeri Artisti

  • Colore Bianco di Zinco e Bianco di Titanio Maimeri Artisti da 60 ml.

    Generalmente utilizzo il bianco di zinco perché si mescola bene con altri colori, più cremoso e facile da stendere. Utilizzo il bianco di titanio solo quando mi serve un bianco molto coprente.

  • Pennelli

    Pennelli di pelo di bue e/o martora Kolinsky piatti e tondi della misura: 00, 0, 2, 4, 6, 8, 10, 12, 14 e 16. Una pennellessa utile per preparare il supporto e una per stendere la vernice finale. Infine, 4 sfumini di misura diverse. Molto raramente uso il pennello a ventaglio e lo script.

    Pennelli - Martora Kolinky
    Pennelli speciali

  • Olio di noci

    Lo preferisco all’olio di lino, nonostante costi il doppio, perché non ingiallisce i bianchi e gli azzurri, non mi sembra impieghi molto più tempo per seccarsi e non ha un odore sgradevole. Tuttavia, se sei alle prime armi, puoi usare l’olio di lino e risparmiare qualche soldino.

  • Essenza di Trementina

    Utilizzo l’essenza di trementina solo nella fase di campitura per far asciugare prima il colore che farà da base all’intero dipinto.

    Essenza di Trementina

  • Acqua Ragia inodore sintetica

    L’acqua ragia la utilizzo solo per la pulizia dei pennelli. Non bisogna mai impiegarla per diluire i colori. Quando dipingo in casa, per evitare i cattivi odori, uso un detergente commerciale come questo.

    Acqua Ragia Sintetica

  • Cavalletto

    Cavalletto da terra a base quadrata. Se sei alle prime armi o dipingi in casa un cavalletto da tavolo va più che bene.

    Cavalletto da Terra

  • Tavolozza

    Tavolozza di legno rettangolare formato A3. Quando non ho voglia di pulire la tavolozza un piattino di plastica va più che bene.

    Tavolozza di Legno

  • Gesso Acrilico

    Uso il gesso acrilico per eseguire l’imprimitura delle tele.

    Gesso Acrilico Talens

  • Inchiostro di China

    Uso l’inchiostro di china per ricalcare il disegno del soggetto prima di eseguire la campitura.

    Inchiostro di China

  • Vernice Maimeri Acrilica 667

    Questa è la vernice che utilizzo per verniciare i miei dipinti. Essa è facile da applicare, il risultato è esteticamente apprezzabile e non ha controindicazioni.

    Vernice Finale Maimeri Acrilica 667

  • Contenitore dell’acqua ragia

    Questo contenitore lo ritengo tra i materiali più importanti. Inizialmente mi sembrava uno spreco versare l’acqua ragia in esso per via delle sue dimensioni. Non avevo realizzato che, finito di dipingere, lasciando l’acqua ragia riposare nel contenitore il giorno dopo l’avrei ritrovata pulitissima per via del colore sedimentato alla base. La presenza del retino poi consente di pulire il pennello come se l’acqua fosse nuova. Con quest’aggeggio è possibile fare un dipinto riutilizzando sempre la stessa acqua con un notevole risparmio di soldi.

    Contenitore per la pulizia dei pennelli

  • Spatola

    Utilizzo una singola spatola principalmente per pulire la tavolozza e alcune volte anche per mescolare i colori principali del dipinto su un vetro.

    Spatole

  • Contenitori per olio

    Il negozio di Belle Arti dove mi rifornisco vende dei piccoli contenitori di plastica dove io verso un po’ di olio di noci. Non butto mai via quest’olio e spesso mi dura per molti mesi. Buttare l’olio ad ogni sessione pittorica è solo uno spreco di tempo e soldi. Quando si intinge il pennello bisogna fare in modo che l’olio non si sporchi.

    Contenitore per olio

  • Carta di grafite

    La carta di grafite la utilizzo per trasferire il disegno sulla tela. Consiglio di acquistare fogli 50×70 o 70×100. Esistono anche rotoli da 3 metri che si possono tagliare per ottenere più fogli.

    Carta Grafite

Materiali “opzionali” che utilizzo

Nella precedente sezione ho presentato  i materiali per me indispensabili senza cui non potrei dipingere. Ci sono, però, dei materiali opzionali che io trovo estremamente comodi e di grande utilità come:

  • Rastrelliera porta pennelli

    Prima di usare quest’attrezzo avevo molti problemi a gestire i pennelli mentre dipingevo. Perdevo un sacco di tempo a trovare quello giusto e spesso macchiavo altri pennelli puliti o il tavolo. Con la rastrelliera ho risolto questi problemi.Costruire la rastrelliera è facile basta qualche listello di legno di balsa, un po’ di colla vinavil e chiodini da acquistare in un negozio di bricolage.

    Rastrelliera Portapennelli

  • Bastone Poggia polso

    A scuola ci hanno insegnato a scrivere poggiando il polso sul foglio così da tenere la mano ferma. Quest’ultimo è il primo problema che si incontra dipingendo sul cavalletto. Il poggia polso risolve questo problema. Puoi acquistare il poggia polso in un negozio di Belle Arti o su Internet, oppure costruirlo da te con un po’ di materiali per il bricolage.

    Reggipolso

  • Aste Stedi Rest

    Il poggia polso è uno strumento comodissimo per poter tenere ferma la mano e lavorare di precisione. Tuttavia, per mantenerlo bisogna tener occupata la mano sinistra che potrebbe essere usata per mantenere qualche pennello, la tavolozza e così via. Io uso queste aste costruite da mio cognato perché mi piace tener libera la mano sinistra e impiegarla per reggere qualche pennello o la foto del soggetto di riferimento se serve. Potete acquistare le aste Stedi Rest sul sito di Jerry Yarnell.

    Aste Stedi Rest

  • Il leggio per la tavolozza

    Non amo tenere la tavolozza in mano. Inizialmente, la tenevo poggiata sul tavolo ma era estremamente scomoda e avevo difficoltà a valutare bene i colori. Inclinata sul leggio è molto più comoda e i colori si vedono meglio.

    Leggio per la Tavolozza

  • Due lampade con lampadine 4000K

    L’ideale per dipingere è l’uso della luce naturale che viene dalla finestra. Lo studio dove lavoro, però, sta al piano terra non sempre la luce esterna è sufficiente. Anche se dipingo la sera la luce naturale è inutilizzabile. In questi casi l’unica soluzione è la luce artificiale. Ho due lampade posizionate a 45° rispetto alla tela sul suo lato sinistro e destro. Il colore delle lampadine non deve essere giallo (2700K, 3000K) o blu (6000K, 6500K). Questo perché se lavorate con luce gialla il giorno dopo guardando il dipinto alla luce naturale le tinte vi sembreranno più fredde. Viceversa se utilizzate la luce fredda. L’ideale è utilizzare lampadine con luce bianca (4000K, 5000, 5500K). Non fidatevi dei bollini che allegano sulle confezioni, leggete sempre i gradi Kelvin (K). La temperatura perfetta sarebbe di 5000K o 5500K che equivale alla luce naturale ma questo genere di lampadine le vendono solo su Internet o nei negozi specializzati a un prezzo maggiore di venti euro. Molto più economiche sono le lampadine 4000K che trovate facilmente nei negozi di materiale elettrico. La potenza delle lampadine da acquistare può andare da 23W a 32W.

    Lampada

    Lampadina 4000K

  • Scatola dei colori

    Quando dipingo cerco di essere sempre ordinato. Ritengo che il disordine nella gestione dei materiali si ripercuote poi negativamente sul dipinto. Per questo ho una scatola di colori di legno dove metto i colori, le spatole, l’inchiostro e il pennino.

    Scatola dei Colori

  • Custodia per i pennelli

    In genere, lascio sul tavolo i pennelli nelle rastrelliere. Volendo, però, ho costruito un piccolo contenitore dove posso riporre velocemente le rastrelliere.

    Custodia Rastrelliera Portapennelli

  • Vetro montato su pannello di legno

    Per alcuni dipinti può essere comodo mescolare i colori principali del dipinto e conservarli in ballotte di plastica senza doverli preparare ogni volta. Per questo lavoro uso un vetro montato su una tavola di legno così da non sporcare la tavolozza.

    Vetro per mescolare i colori

Conclusione

In quest’articolo spero di avervi dato un’idea dei materiali disponibili in commercio e quelli che io utilizzo. Alcuni materiali sono per me indispensabili mentre altri si possono considerare opzionali. Per il principiante ho fornito anche indicazioni per usare prodotti alternativi e risparmiare qualche soldino.

Questa serie di articoli puoi scaricarla anche in formato ebook cliccando sul link che troverai in alto a destra.

Pittura ad Olio - Materiali


Ti è piaciuto l'articolo?



Stampa Articolo Stampa Articolo

Commenti

  1. Antonio Dell'Anna dice:

    Salvato’, sei grande!
    ho letto alcuni dei tuoi articoli e li ho stampati tutti. Anche se non sono proprio digiuno di pittura ad olio, perchè negli anni passati ho dipinto qualche quadro, che regolarmente si sono presi amici e parenti, mi considero purtuttavia un debuttante. Per questo le tue conoscenze e i tuoi consigli mi sembrano preziosi. Spero di farne buon uso, ora che mi son deciso di ricominciare a dipingere. Prima ho solo dipinto bagnato su bagnato, ma ora la tecnica degli antichi fiamminghi i cui quadri mi fanno venire i brividi per quanto son belli (ne ho visti molti ad Amsterdam), mi fa tanto riflettere se è il caso di cimentarmi con essa. Quello che mi preoccupa però sono i tempi lunghi per la realizzazione di un quadro. Capisco ora perchè questa brava gente lavorava a più quadri parallelamente! Mi potresti dare tu un suggerimento sulle mie incertezze?
    Grazie di tutto e cordiali saluti,
    Antonio, dalla Germania

  2. Siamo qua e sul forum. Quando hai dubbi, chiedi. Se conosciamo le risposte saremo felici di dartele.

  3. Antonio Frau dice:

    Ciao Salvatore , io sono già iscritto alla newsletter, come posso fare per scaricare il libro :Pittura ad olio Materiali?
    grazie per tutti i consigli che mi dai:

  4. Ciao Antonio,

    Avresti dovuto ricevere una email.
    Quando ti iscrivi la prima email di benvenuto contiene il link al libro Dipingere con la Tecnica dei Fiamminghi. La seconda email contiene il secondo libro.

  5. Emanuela dice:

    Ottimo articolo, in particolare la discussione sulla scelta delle lampadine e la carta grafite!!
    Se non si trovano buone tele di lino, che tele consigli?
    Io sono iscritta al forum e ho ricevuto il libro sulla tecnica di pittura due fiamminghi, ma non quello di Pittura ad Olio e Materiali, che mi farebbe molto piacere. Come posso fare?

  6. Guarda,
    Puoi acquistare tele di lino sul sito segnalato oppure anche da Zecchi che trovi su web. La leonardesca è forse tra le migliori.
    Se non vuoi quelle di lino, la seconda scelta sono le miste lino e poi quelle di cotone.
    Oltre al tessuto è importante la grana.
    Il punto è che se hai un dipinto ricco di dettagli ti serve una superficie liscia come l’avorio.
    Se hai una tela extrafine con il pennello riesci ad ottenere una superficie liscissima.
    Se non hai una tela extrafine e usi il pennello un pò di grana c’è e alla fine nel dipinto si nota anche. Su queste tele puoi avere una superficie liscia come l’avorio solo se usi spatole (vedi Video di Walter su Natura Morta Frutti e Calici). ossia quelle per i dolci sono ottime.
    Ma io personalmente ho difficoltà ad usarle.
    Mi trovo meglio con un pezzo di compensato.

    Quindi riassumendo il tessuto è una garanzia verso quei fenomeni che si possono verificare sulle tele (restringimenti, segni che si formano lungo il telaio, ecc) che con i giusti accorgimenti si possono evitare. La trama è importante perchè un pò di trama aiuta a far aggrappare il colore ma rende il dipingere i dettagli molto più difficile.

  7. Ciao Salvatore,
    complimenti per il sito che trovo interessante e ben scritto. Mi è sempre piaciuto disegnare e dipingere con i colori a olio ma non ho mai seguito un corso in vita mia, ho cercato sempre di arrangiarmi, anche per una questione economica. Ho ripreso da poco: ho già del buon materiale col quale lavorare (colori, pennelli, olii e solventi, cavalletto a tre piedi compreso – e confermo che è scomodo…) ma solo grazie a te ho scoperto che posso acquistare il solvente ecologico che acquisterò quanto prima! I tuo consigli sono davvero preziosi. Ho provato a dipingere una rosa ma ciò che ne è uscito non mi è piaciuto per niente. Altri che ho fatto, invece, non mi dispiacciono. Per le tele in effetti mi rendo conto solo ora che hai ragione. Mi piacciono i dettagli, le linee sottili e con quelle di cotone con una grana piuttosto notevole che uso (sono economiche per me che ho ripreso da pochissimo) noto che ho difficoltà. Più in là, chissà, mi attrezzerò con quelle di lino o misto lino\cotone. Ancora grazie, continuo a leggere….

  8. Si occhio però che quel solvente è un ripiego, se puoi usa l’acqua ragia magari tappandola il pennello sarà maggiormente pulito e i colori saranno più belli.

  9. Mariangela dice:

    Buongiorno !
    ho bisogno di un consiglio : ho avuto la malaugurata idea di dare una mano di olio di lino su un dipinto ad olio. Ora i colori sono molto ingialliti e vorrei rimediare. Ho provato in un angolo a tamponare con cotone idrofilo imbevuto di essenza di trementina, senza risultato.
    Che prodotto mi consigliate ?

    Grazie !

  10. buongiorno Salvatore,
    avrei bisogno di un consiglio. mi piace dipingere ritratti,
    uso i colori a olio della marca REMBRANDT.
    chiedo gentilmente quale medium mi consigli.
    GRAZIE.
    AURORA

  11. Ciao Aurora.
    Sembrerà banale la risposta ma io dico … l’olio.

  12. roberto castagna dice:

    ringrazio per i consigli letti

  13. emanuele dice:

    caro Salvatore mi piace molto la pittura e vorrei imparare qualcosina spero che con il tuo corso imparo qualcosa grazie

  14. Ho trovato molto utili i consigli , in quanto chiari e sintetici !!! Grazie !!

  15. landi angelo dice:

    Sono pensionato da luglio 2016 e avrei intenzione di riprendere a dipingere dopo trent’anni di inattività, per riempire le giornate invernali e ho trovato molto interessanti i tuoi consigli. Mi sono già costruito un cavalletto da tavolo ed ora provvederò per la rastrelliera, il poggia gomito ed infine riprenderò il lavoro lasciato incompiuto nel 1985 grazie dei consigli e a presto.
    Ciao da Angelo classe 1956

  16. Ciao a tutti,
    ho da pochissimo scoperto questo sito, ed è molto interessante, chiaro e appassionato. Purtroppo il forum è chiuso 🙁
    Sono desideroso di intraprendere l’arte della pittura ma sono indeciso se usare la tecnica ad olio od acrilico. Mi hanno detto che i materiali dell’acrilico sono migliorati tanto e vorrei sapere dalle vostre esperienze, dai vostri gusti e dai vostri studi cosa vi fa optare per una o per l’altra tecnica.
    Conoscete qualche sito dove raccogliere informazioni sui materiali, tecniche ed esperienze della pittura ad acrilico?
    Grazie e buone feste.

  17. Antonio Fagnini dice:

    Antonio.
    Grazie per gli ottimi consigli, ho intenzione di metterli in pratica quanto prima!

  18. Ciao … ho provato a scaricare l’ebook ma non è possibile.
    Come posso fare …?
    fantastico portale grazie

  19. Ciao, Scrivimi in privato te lo mando.

  20. Ti ringrazio, ho trovato per caso questo articolo, cercando di capire come usare al meglio la vernice finale opaca. Ogni tanto dipingo come autodidatta e avrei bisogno di imparare un sacco di cose. trovo molto interessante quello che scrivi. ti seguirei volentieri: adesso che sono in pensione (anche se non da figli, marito e vecchi genitori!) mi piacerebbe coltivare questa passione. Ti saluto.

  21. Ciao Marzia, qualsiasi dubbio siamo qui.

  22. Molto interessante
    Sergio

  23. Interessante, grazie

  24. marta bachechi dice:

    molto utile

  25. Domenico dice:

    Per cortesia, desideravo sapere quali colori usare ad olio per l’arancia e le foglie. Grazie

  26. Se speri di imparare a dipingere cercando ricette preconfezionate per colorare arance, foglie o quant’altro parti con il piede sbagliato.
    Ti suggerisco di leggere questi 5 articoli:
    https://www.disegnoepittura.it/come-mescolare-colori-imitare-tinte/
    https://www.disegnoepittura.it/come-schiarire-scurire-colori/
    https://www.disegnoepittura.it/come-regolare-saturazione-colore/
    https://www.disegnoepittura.it/come-rendere-un-colore-piu-caldo-o-freddo/
    https://www.disegnoepittura.it/come-mescolare-colori-pratica/

    A breve riscriverò questi articoli in una forma più semplice e con maggiori esempi. A mio avviso devi comprendere la logica per mescolare i colori e poi farti guidare degli occhi e applicare i concetti logici. Vedrai che così imiterai la natura senza dover usare ricette preconfezionate.

Lascia un Commento

*