La Tavolozza dei colori

Tavolozza dei colori in legno

In commercio esistono numerosi tipi di tavolozze che variano per: forma, dimensione e materiale. I materiali comunemente utilizzati per la pittura ad olio sono: plastica, legno, ceramica e supporto cartaceo usa e getta.

Tavolozza in ceramica

La tavolozza di ceramica è consigliabile principalmente quando si deve lavorare con colori molto diluiti, ad esempio, quando si devono applicare velature. Esistono sia tavolozze a più scomparti che piatti. E’ possibile rimpiazzare le tavolozze di ceramica con comuni piatti per pizza.

tavolozza ceramica pittura olio

Tavolozza in plastica

Non ho molto da dire su questo tipo di tavolozze perché l’ho utilizzate poche volte. La superficie non è assorbente ed è facile da pulire. Ce ne sono alcune trasparenti su cui credo sia difficile valutare bene le tinte.

Tavolozza dei colori usa e getta

Queste tavolozze sono vendute in fogli e hanno un costo abbastanza ridotto. L’idea è che finita la sessione pittorica non si perde tempo a pulirle, ma semplicemente si strappa il foglio e si butta via. Ho acquistato una sola volta questo tipo di tavolozze e dopo averla usata ho capito che è un materiale assolutamente inadatto per il pittore per via dell’eccessiva assorbenza. Infatti, il colore secca subito e diventa dopo pochi minuti inutilizzabile.

tavolozza usa getta

Tavolozza di legno

La tavolozza di legno credo sia la migliore soluzione per l’artista che desidera imparare a dipingere ad olio. Come detto all’inizio esistono tavolozze di diverse forme e dimensioni. Comunemente in commercio si trovano tavolozze rettangolari o ellissoidali di varie misure. Per la forma preferisco quella rettangolare perché così c’è più spazio per i colori. Molto più importante della forma è la dimensione, acquista una tavolozza che sia almeno grande come un foglio A4 se non addirittura A3. Non acquistare quelle piccole che comunemente si trovano nei negozi anche non specializzati.

Tavolozza dei colori in legno

La tavolozza di legno non va mai usata così come la si acquista in commercio. E’ necessario applicare ad essa una preparazione per renderla meno assorbente.

Piattino di Plastica

Probabilmente quanto sto per dire farà inorridire i puristi della tecnica ad olio ma un piattino di plastica è una valida tavolozza per dipingere ad olio. Sicuramente non è un materiale professionale, ma svolge perfettamente il suo ruolo soprattutto se si dipinge in casa. Esso offre numerosi vantaggi:

  • non ha bisogno di preparazione come le tavolozze di legno;
  • non è assorbente;
  • finito di dipingere si può buttare risparmiando moltissimo tempo nella pulizia;
  • è facile da trovare;
  • è possibile usare sia mescolanze ad impasto che molto diluite per le velature.

Ovviamente ci sono anche degli svantaggi da tenere in considerazione:

  • non fornisce molto spazio;
  • non si possono mescolare i colori con la spatola;

Il problema dello spazio può essere risolto utilizzando più di un piattino se è necessario.

Piattino di Plastica

Leggi gli altri articoli della serie Materiali per pittura ad olio.


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. molto pratico

  2. Ciao Savatore!
    Grazie per quello che hai scritto.
    Mi sto riapprocciando alla pittura ad olio dopo decenni di acquerello, e mi stai aiutando moltissimo con i tuoi consigli.
    Mi piacerebbe avviare uno scambio di emails.

    Spero di ricevere una tua risposta.

    Giorgio Marinoni

  3. Ciao Salvatore e grazie mille per i tuoi articoli sono veramente fatti bene!
    Mi sto riavvicinando alla pittura ad olio che abbandono e riprendo ciclicamente ( spero questa volta in maniera più costante ).
    Vorrei farti una domanda….
    Oltre ai consigli molto utili per la preparazione della tavolozza mi sapresti indicare che metodo usi tu per stabilire quale rapporto c’è tra l’area da dipingere e la quantità di colore da preparare in modo da non dover rifare la mescola più volte?
    Capisco che certe cose si acquistino con l’esperienza ma magari tu usi qualche riferimento che potrebbe essere utilizzato almeno come punto di partenza….
    grazie ancora ciao
    mario

  4. Non ci sono forumule. Come dici ci si regola ad occhio.

  5. Michele R dice:

    Concordo appieno sulla praticità e ottima funzionalità dei piatti di plastica!

Parla alla tua mente

*