Paesaggi primaverili da dipingere • Fase 1

dipingere paesaggio primaverile

Hai mai pensato di poter dipingere un giorno paesaggi primaverili con montagne, alberi e laghi di grande impatto visivo? Questo è il primo di una serie di tre articoli che se leggerai ti mostreranno come è semplice dipingere bellissimi paesaggi primaverili.

I materiali richiesti per questa opera sono i seguenti. Colori: bianco titanio, giallo di cadmio, carminio d’alzarina, verde vescica, arancio di cadmio e nero d’avorio. Materiali: pennellessa da 2 ½”, pennello medio a ventaglio, spatola, acqua ragia inodore, tela 40×50, tovaglioli, pennellessa da 1″, pennello sottile, contenitore per pulire i pennelli, tavolozza e cavalletto.


dipingere paesaggio primaverile

Con una pennellessa da 2 ½”, coprire la tela con uno strato sottile di pittura bianca. Fare in modo da usare pennellate verticali o orizzontali lunghe esercitando una forte pressione. Continuare a lavorare finchè la pittura non è ben distribuita sulla tela. Toccare leggermente la tela con un dito. L’esecuzione può dirsi soddisfacente quando la pittura si attacca al dito e nessuna impronta rimane sulla tela.

dipingere paesaggio primaverile

Usare la spatola per mischiare blu phtalo con un tocco di crimisi d’alzarina per ottenere il colore del cielo e dell’acqua. Prendere il colore appena mischiato sulla tavolozza con la pennellessa da 2 ½” senza premere troppo. Si inizi a dipingere dall’angolo superiore sinistro della tela. Si applichi il colore con pennellate brevi e incrociate (la mano deve ruotare in modo da tracciare degli 8 rovesciati orizzontalmente).

dipingere paesaggio primaverile

Man mano che ci si avvicina all’orizzonte diminuire la pressione esercitata con il pennello. Sappiamo bene che all’orizzonte il cielo deve essere più chiaro. In tal senso la pittura bianca usata in precedenza ci aiuterà ad ottenere questo effetto.

dipingere paesaggio primaverile

Prendere di nuovo il colore del cielo con la pennellessa da 2 ½” e si inizi a dipingere l’acqua nel restante 1/3 di spazio rimasto bianco (parte inferiore della tela). Si proceda adoperando pennelate orizzontali.

dipingere paesaggio primaverile

Si mischi con la spatola il giallo di cadmio e un tocco di arancio per ottenere il colore emanato dal sole. Con la pennellessa da 2 ½” si prenda il colore appena mischiato operando leggeri colpettini sulla tavolozza. Assicurarsi che il pennello sia carico di colore. Iniziando dall’angolo superiore destro del cielo, applicare il colore con pennellate corte e incrociate (a forma di 8 rovesciato). Man mano che si scende verso il basso, diminuire la pressione con il pennello. Il colore mischiandosi anche con il bianco di fondo tenderà a essere più chiaro rispetto alla parte alta del cielo.

dipingere paesaggio primaverile

Utilizzando la pennellessa da 2 ½” si applichi lo stesso colore nella parte inferiore destra del dipinto in modo da simulare il riflesso della luce del sole nell’acqua. Si Inizi dalla parte bassa e si lavori sovrapponendo le pennellate.

dipingere paesaggio primaverile

Sfumare leggermente con il pennello asciutto da 2 ½” l’area in cui il blu dell’acqua tocca il colore del riflesso del sole. Si proceda in modo che le pennellate siano corte, incrociate (come un 8 rovesciato).

dipingere paesaggio primaverile

Mischiare Phtalo Blue, Carminio D’Alzarina, poco Nero d’Avorio e Bianco Titanio per creare il colore che utilizzeremo come base per la montagna. Prendere il colore appena mischiato con il lato lungo della spatola. Con la spatola che forma un angolo di 45° con la tavolozza e utilizzando il suo lato lungo, prendere il colore tirando la spatola verso il basso. A questo punto, avrete il colore di base della montagna sulla vostra spatola pronto per essere usato. Posizionate il margine lungo della spatola sulla tela nella posizione di uno dei picchi, con la spatola quasi parallela alla tela. Tirate il colore verso il basso.

dipingere paesaggio primaverile

Facendo un pò di pressione, tirare la spatola verso il basso e verso destra in modo da formare il lato destro del picco di montagna. Ricaricare la spatola con altro colore e ripetere il procedimento. Questa volta bisogna realizzare la parte sinistra del picco di montagna. Ricreare poco per volta la forma della montagna, esercitando una forte pressione con la spatola e con movimenti che vanno dall’alto verso il basso e poi, verso sinistra o destra a seconda del lato che si sta realizzando. Dopo che avete definito la forma esterna della montagna, proseguite comprendola completamente con il colore di base.

dipingere paesaggio primaverile

Tirate via la pittura in eccedenza, lasciandone solo un velo sottile. Attenti che se non fate ciò l’effetto successivo della neve sarà scadente. Con una pennellessa pulita e asciutta da 2 ½”, sfumate la base della montagna, in modo da conferire l’illusione di una densità d’aria maggiore.

dipingere paesaggio primaverile

Le pennellate possono anche sovrapporsi, l’importante è che vadano verso il basso e verso destra. Stessa cosa per la base nel lato sinistro. Anche qui la sovrapposizione delle pennellate è consigliata e la pennellata va direzionata verso il basso e verso sinistra. La parte centrale della base può essere sfumata con delle pennellate criss/cross.

dipingere paesaggio primaverile

Prendere con il lato lungo della spatola un pò di Bianco di Titanio. La luce proviene da destra in questo dipinto, quindi la neve illuminata verrà posizionata a destra per ogni picco di montagna. Tenete la spatola quasi parallela alla tela e con molta leggerezza. Partendo dalla cima del picco, tirate la spatola verso il basso e verso destra della montagna.

dipingere paesaggio primaverile

La pressione da esercitare deve essere leggerissima, seguendo i contorni dei vari picchi tirate sempre verso il basso e verso destra. La texture della neve sul terreno si realizza automaticamente man mano che si applica il colore sulla base.

dipingere paesaggio primaverile

A questo punto prepariamo un pò di colore da utilizzare per i lati dei picchi in ombra. Utilizzeremo il Bianco di Titanio, il colore utilizzato come base e del Blu Phtalo. Prendere il colore appena mischiato con il lato lungo della spatola. Aggiungere il colore appena mischiato sui lati sinistri dei vari picchi per creare le zone d’ombra. Anche qui la pressione deve essere leggerissima, perchè la base deve trasparire in modo da sembrare la zona più scura dell’ombra. Questo creerà un effetto molto realistico.

dipingere paesaggio primaverile

Prendere un pò di colore d’ombra con il lato corto della spatola. Lavorare nelle zone in cui non si è potuto lavorare con il lato lungo.

Hai letto le altre puntate della serie di articoli Paesaggio Primaverile? Segui i seguenti link per leggere le altre puntate:

Paesaggi Primaverili da dipingere • Fase 2

Paesaggi Primaverili da dipingere • Fase 3

Fonte: SimplyPainting.com


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. ciao salvatore,volevo alcuni chiarimenti sul paesaggio primaverile prima di dipingere la neve devo far asciugare le montagne? poi per quanto riguarda dipingere un’onda prima di dipingere i pattern devo lasciare asciugare?grazie per la tua disponibilità,grazie a te spero di imparare e di chiarire i mille problemi che ho sulla pittura.

  2. sasadangelo dice:

    entrambe no.
    x il primo se usi la spatola riesci a mettere il colore senza che esso si fonda con lo strato sottostante.

    Idem per il punto 2, avendo steso bene il colore quello che prendi con il pennello x fare i pattern non dovrebbe fondersi.

  3. ciao salvatore,nel dipinto paesaggio primaverile quando dici di coprire la tela con uno strato di pittura bianca intendi pura o bisogna diluire il colore?è necessaria questa fase?Vorrei chiederti un’altra cosa finito un dipinto èmeglio passare uno strato protettivo oppure no grazie a presto.

  4. sasadangelo dice:

    Ciao conni,
    fondamentalmente il dipinto orignale usa liquid white che è introvabile. Io l’ho sostituito con semplice bianco + trementina (per farlo asciugare prima) ben diluito.
    Per la pittura finale un purista griderebbe all’orrore (nel sense che ti direbbe di non farlo). Cmq, il processo di essiccazione dell’olio è molto lento e anche quando per te è asciutto comunque la struttura cristallina non è ancora stabile e spesso passano mesi prima che lo diventi. Quindi una cosa certa è non stendere la vernice finale subito ma dopo vari mesi. Il suo obiettivo dovrebbe essere quello di proteggere il dipinto da polvere e altri agenti che potrebbero rovinarne la struttura. Quindi a te la scelta …

  5. Francesco dice:

    Ciao Salvatore,
    complimenti per l’opera, invidio molto la tua tecnica!
    In che dosi hai combinato bianco più trementina per sopperire alla mancanza di liquid white?
    Grazie e continua così!

  6. sasadangelo dice:

    non ricordo, l’importante sia cremoso e facilmente stendibile sulla tela.

  7. Ciao Salvatore,
    Intanto complimenti chissa cosa mi uscirà fuori

    Ti volevo chiedere che tipo di colori hai usato olio,tempero o altro?

  8. salvatore dice:

    olio

  9. Pasquale dice:

    Ciao Salvatore,
    non riesco a trovare questa spatola che usi tu nei negozi, mi sai dire dove acquistarla?
    I pennelli che hai usato sono sintetici o di setola?
    Grazie e complimenti.

Lascia il tuo commento

*