Come mescolare i colori con il metodo di Munsell dell’artista Frank Reilly. Le tabelle dei colori di Frank Reilly.

Frank Reilly Charts

Ti piacerebbe sapere come realizzare le tabelle dei colori di Frank Reilly?

Cominciamo con il dire che queste tabelle ti serviranno come guida quando dovrai mescolare i colori per ottenere le tinte desiderate. Abbiamo visto nelle semplificazioni del modello di Munsell di Frank Reilly che il suo metodo prevede solo 10 hue, quindi 10 tabelle di colori, una per ciascuno hue.Per prima cosa bisognerà mescolare i grigi neutri di Frank Reilly necessari per regolare la saturazione dei colori.

Ora analizziamo una per una le tabelle dei colori di Reilly che ci aiuteranno poi a capire come partendo da un colore sia possibile variare hue, tono e saturazione per ottenere la tinta desiderata. Ciò che apprenderemo ci tornerà utile quando dovremo mescolare da soli i nostri colori.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori della gamma dei gialli (Y) utilizziamo solo due colori: giallo cadmio chiaro e terra d’ombra naturale. Come primo passo si crea la striscia più esterna mischiando questi colori tra loro. Mischiando giallo cadmio chiaro e terra ombra naturale otteniamo le tinte più esterne nella tabella con i toni che variano dal 2 all’ 8.

Infine, per ottenere le strisce di colori (verticali) con saturazione Media e Debole mischiamo ciascuna tinta Pura con i grigi di stesso tono.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori della gamma degli aranci (YR) utilizziamo solo due colori: giallo arancio cadmio e terra d’ombra bruciata. L’unica differenza con la tabella dei colori dei gialli è che qui per ottenere i toni 8 e 9 l’arancio va mischiato con il bianco. Infine, per ottenere le strisce di colori (verticali) con saturazione Media e Debole mischiamo ciascuna tinta Pura con i grigi di stesso tono.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori dei rossi (R) utilizziamo solo due tinte: rosso cadmio chiaro e 1/2 carminio d’alzarina + 1/2 terra ombra bruciata (tono 1). Schiariamo il rosso con il bianco per ottenere i toni 6, 7, 8 e 9. Se notate che il colore schiarendosi va verso il viola potete aggiungere una punta di giallo arancio cadmio. Il rosso si scurisce con il mix di carminio e terra ombra bruciata per ottenere i toni 4, 3 e 2. Infine, per ottenere le strisce di colori (verticali) con saturazione Media e Debole mischiamo ciascuna tinta Pura con i grigi di stesso tono.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori dei rossi violacei (RP) utilizziamo un solo colore: carminio d’alzarina (tono 2). Il carminio va schiarito con bianco per ottenere i toni 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 9. Se il colore diventa eccessivamente violaceo può essere corretto aggiungendo una punta di rosso cadmio chiaro. Per ottenere il tono 1 il carminio d’alzarina va scurito con il nero. Infine per ottenere le strisce di colori (verticali) con saturazione Media e Debole mischiamo ciascuna tinta Pura con i grigi di stesso tono.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori violacei (P) utilizziamo un solo colore: violetto di cobalto; Il procedimento è identico alla tabella dei colori dei rossi violacei.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori dei blu violacei (PB) utilizzeremo un solo colore: blu oltremare. Il procedimento è identico alla tabella dei colori violacei.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei colori blu (B) utilizziamo un solo colore: 1/2 verde smeraldo + 1/2 blu oltremare (tono 2). Il colore si scurisce con il nero e si schiarisce con il bianco. Infine, per ottenere le strisce di colori (verticali) con saturazione Media e Debole mischiamo ciascuna tinta Pure con i grigi di stesso tono.

J.T. Doren e i suoi allievi, nel libro The Artist’s Atelier. Reference guide to Structural Concepts and Principles, propongono di utilizzare due colori: blu cobalto (tono 1) e blu ceruleo (tono 3). Si mescolano questi due colori in parti uguali per ottenere il tono 2. Il blu cobalto si scurisce con il nero, mentre il blu ceruleo si schiarisce con il bianco. Infine, per ottenere le strisce di colori (verticali) con saturazione Media e Debole mischiamo ciascuna tinta Pure con i grigi di stesso tono.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei blu verdi (BG) utilizzeremo un solo colore: verde smeraldo (tono 1) in inglese chiamato viridian. Il procedimento è identico alla tabella PB.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei verdi (G) utilizzeremo un solo colore: verde di cobalto (tono 5). Il procedimento poi è analogo alle tabelle precedenti.

J.T. Doren e i suoi allievi, nel libro The Artist’s Atelier. Reference guide to Structural Concepts and Principles, per avere dei verdi più brillanti propongono di aggiungere alla tabella un colore ottenuto da 3/4 verde smeraldo + 1/4 terra ombra naturale (tono 1). Così da usare questo colore per scurire il verde di cobalto.

Frank Reilly Charts

Per la tabella dei giallo verdi (GY) utilizzeremo un solo colore composto da 1/2 verde di cobalto + 1/2 giallo cadmio chiaro (tono 7). Questo colore va scurito con il nero e schiarito con il bianco.

J.T. Doren e i suoi allievi, nel libro The Artist’s Atelier. Reference guide to Structural Concepts and Principles, per avere dei giallo verdi più brillanti propongono di aggiungere alla tabella un colore ottenuto da 2/3 verde smeraldo + 1/3 terra ombra naturale (tono 1). Così da usare questo colore per scurire il giallo verde.

Qui trovi l’indice di tutte le lezioni della serie di articoli Come mescolare i colori con il metodo di Munsell dell’artista Frank Reilly.


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. Caspita! Ma davvero ci sono artisti che si preparano ogni volta tutti questi colori sulla tavolozza? Tu lo hai mai fatto?

  2. sasadangelo dice:

    Ciao Ilario,
    allora io preparo sempre la tavolozza con i principali colori che mi servono prima di iniziare a dipingere, perchè così poi eseguo il dipinto molto più velocemente e il risultato finale ne acquista in freschezza.
    Uso una logica molto simile a quella di Frank Reilly per imitare le tinte (scriverò un post a giorni su come faccio) ma non preparo tutte le tinte, solo quelle che mi servono.

    Poi se ti serve una scala di colori, diciamo il grigio … non prepari 9 grigi + bianco e nero ma solo i toni 2, 4, 6, 8. Se ti serve il tono 3 mescoli il 2 e il 4. Così prepari 4 colori anzichè 9.

    Poi se devo preparare i gialli non è che mi metto a creare sulla tavolozza 9 pezzi di colore diverso. Quando si acquista pratica e ti serve un giallo tono 7 sai che puoi mescolare giallo ocra e giallo cadmio chiaro.

    Non è che ti metti a preparare tutte le mescolanze. Magari lo fai solo una volta nella vita per fissare il concetto nella tua mente e preparare delle color chart ma poi imparati gli schemi usi sempre quelli a memoria.

    Quindi guarda questo come un modo per imparare ad eseguire mescolanze usando una data logica ed evitare di andare a tentativi.

    Poi da questo punto di partenza farai delle prove e imparerai sempre più cose dall’esperienza pratica, ma almeno hai un punto di partenza da cui cominciare.

    Spero di aver reso l’idea.

Parla alla tua mente

*