Matite Colorate

Matite Colorate

Le matite colorate, insieme alla classica matita da disegno, sono gli strumenti artistici più comuni. Da piccoli ognuno di noi ha posseduto una scatola di matite colorate. Quelle che interessano a noi, però, non sono le stesse che utilizzavamo da bambini perchè spesso le matite per studenti non sono di qualità eccellente.

In commercio esistono diversi brand per le matite colorate, le più comuni sono Prismacolor. Cito questo brand perchè molti dei tutorial disponibili in rete o sui libri artistici fanno riferimento ad esso. Questi tutorial spesso citano nomi di colori che diventa facile da trovare se si possiede quello specifico brand, altrimenti bisogna fare delle prove per scovare il colore giusto. Personalmente non utilizzo i colori Prismacolor bensì utilizzo matite colorate di varie marche collezionati di volta in volta nel corso di questi anni.

Su questo blog riporterò alcuni tutorial molto interessanti dove mostrerò l’utilizzo della tecnica delle matite colorate. Prima di fare ciò, però, è necessario quest’articolo introduttivo dove definirò alcuni termini che utilizzeremo in seguito.

Le matite colorate sono uno strumento pittorico semiopaco. E’ possibile mischiare i colori tra loro sovrapponendo strati di colore l’uno sull’altro andando, generalmente, dal colore più chiaro e brillante a quello meno chiaro e meno brillante.

I materiali necessari per dipingere con le matite colorate sono molto pochi e semplici: matite colorate, fogli bristol, temperamatite e gomma pane.

Matite Colorate

Quando si lavora con le matite colorate entrano in gioco 4 fattori:

  • scelta del colore
  • punta delle matite colorate
  • forza esercitata
  • tipo di tratto

Ad ogni applicazione di colore bisognerà tener presente queste 4 variabili che ora analizzeremo in dettaglio.

Scelta del colore

Per la scelta del colore c’è poco da dire. Se si sta seguendo un tutorial basta scegliere le matite colorate di volta in volta suggerite o almeno delle matite equivalenti. Se si sta eseguendo un lavoro in proprio significa che abbiamo già raggiunto una certa familiarità con il mezzo. Ad ogni modo, l’unico suggerimento che posso dare è quello di avere un blocchetto sempre vicino dove provare le stesure di colore prima di utilizzarle sul proprio lavoro.

Punta delle matite colorate

Nella foto seguente è possibile osservare 4 possibili tipi di punte partendo da sinistra verso destra:

  • molto appuntita (P1)
  • appuntita (P2)
  • smussata (P3)
  • molto smussata (P4)

Nei tutorial che seguiranno se leggete P1 capirete che la punta (cioè P) della matita deve essere molto appuntita. Il numero indica i grado di smussamento e il valore va dalla più appuntita (1) a quella meno (4).

Matite Colorate

Forza esercitata

Quando si colora con le matite colorate è possibile esercitare vari livelli di pressione. Noi identifichiamo principalmente quattro livelli di pressione riportati nella figura sottostante da sinistra verso destra:

  • molto debole (F4), lo strato di colore è appena percettibile e si intravede lo strato sottostante.
  • debole (F3), lo strato di colore sottostante è meno visibile;
  • forte (F2), lo strato di colore sottostante è appena percettibile;
  • molto forte (F1), il colore è uniforme e molto marcato;

Matite Colorate

Tipo di tratto

Il risultato che si ottiene nell’applicare il colore dipende molto dal tipo di tratto che applichiamo. Nella figura sottostante ho identificato 6 tipi possibili di tratto partendo dal riquadro in alto a sinistra fino al riquadro in basso a destra:

  • tratto verticale (TV), si applicano linee verticali non più lunghe di 1 cm in maniera più o meno ravvicinata;
  • tratto circolare (TC), è lo stesso tipo di tratto che abbiamo esaminato quando abbiamo parlato di ombreggiatura circolare;
  • tratto picchiettato (TP), si ottiene picchiettando la matita sulla carta, il tratto che si ottiene e quasi quello di un singolo punto. La vicinanza o meno di questi vari punti determina il tono più o meno scuro;
  • tratto curvo (TCV), il tratto è leggermente curvo sia in senso verticale che orizzontale;
  • tratto lungo (TL), il tratto è, in questo caso, molto allungato;
  • tratto incrociato (TX), è la classica ombreggiatura incrociata;

Matite Colorate

Nelle due figure che seguono riportiamo un esempio di mistione di due colori (il giallo e il blu) mediante sovrapposizione. Stendiamo il blu in modo tale che sia molto marcato a destra e man mano più lieve andando verso sinistra. Lo stesso avviene stendendo il giallo ma in ordine inverso. Nella zona in cui i due colori si incontrano osserviamo il formarsi del colore verde. Nella foto il colore verde non è molto evidente, vi assicuro, però, che dal vivo l’effetto è sicuramente migliore.

Matite Colorate1

Matite Colorate

Nei tutorial che seguiranno, vedremo ulteriori esempi di mistione mediante sovrapposizione di colore.

Campitura

Il temine campitura lo abbiamo già analizzato in altri contesti. Nel caso delle matite colorate, il suo significato non è molto diverso. Con tale termine intendiamo la stesura uniforme di un dato colore. In inglese questo concetto si esprime con il termine “washing”.

Matite Colorate

Imbrunitura

Con questo termine si intende la stesura di uno strato di colore molto scuro su cui si passa successivamente un colore molto chiaro. Non conosco il relativo temine in “italiano”, per cui lascio il temine in inglese per evitare pessime traduzioni.

Matite Colorate

Riassumendo, se in uno dei nostri futuri tutorial scriverò:

Campitura – Nero – P1, F1, TC

significherà che bisognerà stendere una campitura con il colore nero, la cui punta deve essere molto appuntita, bisognerà esercitare una forte pressione e un tratto circolare.

Fonte: Realistic Pet Portraits in Colored Pencils


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. Ottima descrizione sull’uso delle matite colorate ma non condivido :

    ” I materiali necessari per dipingere con le matite colorate sono molto pochi e semplici: matite colorate, fogli bristol, temperamatite e gomma pane “.

    Credo sia necessario un’aggiornamento di notizie a tal riguardo, poichè le qualità pittoriche delle matite colorate applicate a materiali totalmente diversi da quelli cartacei, in taluni casi non hanno nulla da invidiare a tecniche a pennello quali quella ad olio !

  2. sasadangelo dice:

    ciao vincent,
    sulla qualità raggiungibile con le matite colorate siamo d’accordo ci sono tantissimi libri che menziono anche nel blog in cui si vedono opere straordinarie di qualità pari ad olio. Su questo siamo d’accordo. Quello che non capisco dal tuo commento è se per caso ritieni che esistono supporti diversi da fogli cartacei con cui si raggiungono qualità più elevata … è questo quello che intendevi? Se si quali sono questi materiali?
    Ciao e grazie per il tuo commento.

  3. franco dice:

    ciao! che marche di matita mi consigli in alternativa alle prisma?

  4. kikka tnt dice:

    nn è ke hai qlkosa su il tratto inclinato ed a effetto lanoso

  5. sasadangelo dice:

    ciao,
    non mi è chiaro cosa ti serve esattamente. Puoi spiegarti meglio? Cosa vuoi ottenere?

  6. salve, un informazione, vorrei capire se le matite colorate in realtà sono i classici pastelli, tipo giotto color legno naturale, per intenderci o sono delle matite con bastoncino di grafite similmente a quelle nere, in quest’ultimo caso esistono anche di diversi tipi ad esempio hb 2b h 6b etc. etc. Grazie per l’attenzione

  7. salvatore dice:

    Ciao luigi,
    allora sono simili a quelli che usavi da bambino a scuola ma sono di qualità molto alta (ovviamente dipende dalle marche). Li trovi nei negozi di belle arti non certo ai centri commerciali o cartolibrerie. Sono sia quelli di legno naturale che simili alle matite. Non vanno in base alla durezza. Scelta una marca devi solo scegliere i colori.

  8. Ciao!
    Ho da sempre amato il disegno e quest’anno, avendo raggiunto ottimi traguardi in ambito universitario, ho deciso di farmi un “regalino”.
    Mi sapresti consigliare buone marche professionali di matite colorate? (non la faber per intenderci)
    Grazie!

  9. Le migliori matite sono le dita di chi disegna…. Ho fatti dei buoni lavori anche con Faber Castell, certo Denver e Grad d’ache sono migliori, ma secondo me dipende molto da chi utilizza i colori.

  10. sasadangelo dice:

    Ce ne sono diverse Derwent, Caran d’Ache. Ho usato anche Prismacolor e Hollende.

  11. Paola Sozzani dice:

    Buongiorno, per hobby e per rilassarmi ho iniziato a colorare i famosi libri di art therapy, ormai popolarissimi. Ho un problema, non so se dipenda della carta di bassa qualità di certi album o dalla mia scarsa esperienza ma, anche con le migliori matite colorate, tipo Derwent artists non riesco ad evitare antiestetici spazi bianchi. Non ho studiato per essere artista ma mi piacerebbe migliorare la mia tecnica.
    Grazie e saluti Paola.

Parla alla tua mente

*