Guadagnare online con Adsense. VI° Parte.

Guadagnare online con Adsense

Nel primo articolo di questa serie abbiamo introdotto Adsense e abbiamo visto i 5 pilastri su cui ho basato tutte le strategie che ho applicato con successo sul mio blog. Abbiamo visto quali azioni preliminari eseguire per un corretto utilizzo di Adsense. In un successivo articolo abbiamo visto come creare in maniera ottimale le Unità Pubblicitarie, gli Insiemi di Link e Adsense per la ricerca. Quest’ultimo articolo è stata la prima occasione per fornirvi utili strategie che ho applicato con successo sul mio blog e che anche voi potete implementare sui vostri siti. Infine, abbiamo introdotto importanti concetti come: revenue, Impressioni,  CTR, eCPM, targeting contestuale e per posizionamento. Finalmente siamo arrivati al momento in cui vanno elencati le strategie che vi avevo promesso. Ho suddiviso le strategie in 5 categorie: contenuti, traffico e promozione, rilevanza, numero links e design; ossia i 5 pilastri che citavo nel primo articolo.

Contenuti

  1. Il contenuto è il RE, sostengono molti sul web. Come già anticipato nel primo articolo, la cosa più importante che potete fare e scrivere contenuti di qualità per il vostro sito o blog. Dalle statistiche Adsense sul mio sito ho evidenza che gli articoli che i lettori considerano i migliori determinano anche le maggiori entrate pubblicitarie. Scrivere contenuti di qualità non è banale e spesso richiede tempo e fatica.
  2. Oltre alla qualità è anche importante la quantità. Molti blog di successo con buone entrate Adsense hanno molte pagine indicizzate da Google. A dimostrazione di ciò andate su Google e digitate site:<nome dominio> e al posto di <nome dominio> scrivete domini come problogger.net, emptyeasel.com, dailyblogtips.com, ecc. Noterete che tutti questi siti hanno molte pagine indicizzate  in Google. Questo è uno dei motivi che mi spinge a pensare che il blog è più adatto rispetto al sito statico di poche pagine per essere usato con Adsense.
  3. Imparate a conoscere i vostri lettori. Se conoscete le esigenze dei vostri lettori riuscirete a proporre i vostri contenuti in maniera che essi risultino davvero utili. A tale scopo lo strumento dei sondaggi è insostituibile. Sul mio blog esso è presente nella barra laterale a destra e mi aiuta a prendere decisioni con maggiore consapevolezza.
  4. Un altro modo per capire le esigenze dei lettori è quello di leggere tutti i commenti e rispondere a ciascuno di essi. Se in un commento notate una lacuna o perplessità del lettore su un tema non approfondito dal blog appuntatelo su un taccuino, sarà un futuro argomento del vostro blog o sito.
  5. Create un sito semplice, senza animazioni flash, file musicali che suonano mentre l’utente naviga, popup, ecc. Come detto prima la fonte principale di traffico sono i motori di ricerca che la cosa che capiscono meglio è il testo. I motori di ricerca amano i siti che si aggiornano frequentemente ecco perchè ritengo che il blog sia uno strumento più adatto all’artista rispetto al classico sito web con poche pagine. Purtroppo, molti artisti, in quanto tali, credono che realizzando siti con grafica pazzesca, animazioni eccezionali, ecc. li aiuti ad emergere dalla mischia mentre spesso è vero il contrario.
  6. Tempo fa diceva qualcuno: “ho visto così lontano perchè sono salito sulle spalle dei giganti”. Significa che è inutile reinventare la ruota, sfruttate le conoscenze già acquisite e pubblicate dai giganti della pittura. Leggete, ad esempio, il Trattato della Pittura di Leonardo, leggete il Libro dell’arte di Cennino Cennini. Non volendo andare così lontano nel tempo ci sono molti siti e blog di grande interesse come: emptyeasel, creative spotlite, wetcanvas, deviantart, pastel journal, gurney journeynathan fowkes art, lines and color, underpaintings, cgsociety, ecc.

Traffico e Promozione

  1. Se il contenuto è il re la Promozione è la regina. Anche se siete bravi artisti ma nessuno vi conosce non andrete molto lontano. Leonardo stesso promuoveva le sue opere e le sue invenzioni ai vari signori per entrare nelle loro grazie e ottenere lavori. Promuovete la vostra arte, i vostri disegni, i vostri quadri, le vostre ricerche, i vostri appunti.
  2. Avere un sito molto trafficato è fondamentale per ottenere introiti significativi con Adsense. L’80% del traffico di qualsiasi sito proviene dai motori di ricerca. Il 90% di questo 80% proviene da Google. Conoscere quindi le tecniche di Search Engine Optimization (SEO) è fondamentale. In questa serie di articoli non entrerò troppo nei dettagli del SEO perchè ho intenzione di dedicare all’argomento un articolo a parte.
  3. Non usate piattaforme di hosting gratuite per il vostro sito o blog e acquistate un dominio tutto vostro. Questo blog è nato il 26 Aprile 2006 e si chiamava Pittura ed era pubblicato sulla piattaforma gratuita blogspirit.com. Il blog all’epoca aveva un traffico (stime Google Analytics) di 100/200 utenti unici al giorno. Verso la fine del 2008 decisi di acquistare un piano di hosting su webperte.com e il dominio disegnoepittura.it. Il nome del dominio non è stato scelto in maniera casuale, esso conteneva due keyword fondamentali per i temi da me trattati: disegno e pittura. Verificai, inoltre, con il Google Keyword Tool che queste due keyword avessero un alto volume di ricerca e un buon grado di concerrenza pubblicitaria. Solo migrando gli articoli dal vecchio blog al nuovo ci fu quasi un raddoppio degli utenti unici. Su ciascun articolo del vecchio blog applicai un redirect 301 al corrispettivo articolo del nuovo blog. In questo modo segnalai a Google di sostituire le vecchie pagine con le nuove preservando i vecchi link, page rank, ecc. Quindi per concludere non usate hosting gratuiti ma acquistate il vostro piano di hosting e il vostro dominio con pochi euro all’anno.
  4. Ho sperimentato che Facebook è un ottimo strumento di promozione. Oggi è possibile creare una pagina Facebook con pochi click. Con un sistema automatizzato potrete promuovere i contenuti del blog su facebook così da notificare i nuovi contenuti ai vostri fan e agli amici dei vostri fan (ad esempio se i fan cliccano su Mi Piace) scalando così in maniera esponenziale. Credo che un qualcosa di analogo sia possibile con twitter, flickr, youtube, myspace, eccc. Solo che per il momento non ho esperienza diretta di promozione con questi social network.
  5. Altri canali per promuovere i contenuti del proprio sito o blog è quello di sfruttare siti o blog che trattano argomenti analoghi. Scrivere un guest post su uno o più siti che trattano lo stesso argomento del vostro sito o blog aiuta a crescere più di molte altre attività promozionali, soprattutto all’inizio quando la vostra presenza sui motori di ricerca è ancora ridotta. Se hai un sito o blog d’arte e vuoi promuoverlo su questo blog puoi scrivere un guest post seguendo queste semplici regole.
  6. Imparate i rudimenti di HTML, il linguaggio in cui sono scritto tutti i siti web.
  7. Usate i tag HTML H1, H2 e H3 e fate in modo che ci siano dentro parole chiave utili per il vostro articolo. In questo modo aiutate i motori di ricerca a capire il contenuto del vostro blog. Ad esempio, il titolo del blog potrebbe andare in un tag H1,. Il titolo del post in un tag H2. Poi sono negli articoli, quando serve, aggiungete anche i tag H3.

Rilevanza

  1. Evitate che le pagine abbiano tutti per titolo (tag title HTML) il nome del vostro blog. Date per titolo alle pagine dei vostri articoli il titolo dell’articolo stesso. Il titolo è quello che compare in cima alla finestra a sinistra sul browser. Questo è un accorgimento SEO che andrebbe bene anche nella sezione Traffico e Promozione, ma aiuta anche a mostrare annunci più rilevanti.
  2. Il titolo della pagina influenza molto la Rilevanza degli annunci. Fate in modo che il titolo contenga le parole chiave con cui gli utenti potrebbero cercare la vostra pagina. Ad esempio, se io ho scritto un tutorial su come colorare un gatto con le matite colorate, anzichè usare il titolo “Colorare Gatto” scrivete un titolo più esteso che faccia capire meglio a Google i contenuti della vostra pagina. Ad esempio “Come disegnare e colorare un gatto con le matite colorate” vi aiuterà a ricevere annunci più pertinenti.

Numero di Links

  1. Guardate bene le siderbar dei vostri blog e chiedetevi se quello che avete serve realmente. Tempo fa avevo sul mio blog la lista dei siti di pittura. Quindi in tutte le pagine compariva questa lista. E’ bastato spostarla in una pagina a parte per avere un buon incremento delle entrate Adsense perchè semplicemente ho ridotto la competizione sul numero dei links. Analoga cosa ho fatto per gli archivi che oggi sono collocati in una pagina a parte e fungono anche da sitemap HTML.
  2. Molti blog d’arte pubblicano le news di Repubblica o del Corriere se non addirittura interi articoli. Rimuovete tutto ciò. Le sidebar devono essere chiare e semplici e il loro obiettivo è quello di semplificare la navigabilità del sito.
  3. Utilizzate la funzionalità di Overlay del Sito di Google Analytics per capire quali sono i link più cliccati su una data pagina e capire così quali sono veramente necessari e quali no.

Design

  1. Gli annunci hanno diversi formati. Quello che rende di più in termini di numero di click è il 320×280 soprattutto se posto vicino ai contenuti. Poi c’è il box 320×200 e lo Skyscraper verticale. Cercate di usare il meno possibile il banner 480×60.
  2. La posizione degli annunci è fondamentale. Consultate la mappa termica di Google per capire quali sono le posizioni più favorevoli.
  3. Scegliere i colori appropriati per i propri annunci è fondamentale. Nel 3° articolo ho già spiegato quali strategie di scelta adottare.
  4. Mettete l’annuncio 320×280 all’inizio del post come ho fatto io su questo blog e fate in modo che sia il primo box della pagina (non considerate gli insieme di link). Google assegna gli annunci più remunerativi al box che compare prima nella pagina. Mettendo il box più efficiente in termini di numero di click come primo annuncio si farà in modo che esso riceverà anche gli annunci più remunerativi. Per ottenere questo risultato ho dovuto spostare le due sidebar entrambe a destra. Infatti, avevo notato che molti blog di successo hanno entrambe le sidebar a destra.
  5. Buoni risultati li fornisce anche lo Scyscraper nella barra laterale e l’insieme di link appena sotto il menù.
  6. Si definisce spazio “above the fold” la porzione di sito web visibile senza eseguire scroll con il mouse. L’area “above the fold” è importante perchè fornisce prestazioni migliori quando gli annunci sono pubblicati in essa. Tutti i miei annunci sono “above the fold” eccetto l’annuncio alla fine del post. Per quest’ultimo l’idea è che l’utente legge l’articolo e se non ha trovato l’informazione che gli serviva può provare nuove strade alternative cliccando sugli articoli correlati o su annunci Adsense di contenuto analogo.
  7. Per un sito o blog d’arte è facile cadere nella tentazione di utilizzare molte immagini, soprattutto nell’header. Evitate l’uso eccessivo di immagini che possono attirare l’attenzione dell’utente distraendolo dai contenuti e dai link di navigazione. Per ciascuna immagine utilizzata chiedetevi se è realmente necessaria allo scopo del vostro sito. Analizzate bene l’header e assicuratevi che sia più semplice possibile. Un logo, un’intestazione, un menù e poco altro può bastare. Tempo fa avevo un header molto alto e molto vistoso con logo, un quadro di caravaggio e il mio volto posterizzato. E’ bastato rimuoverlo e sostituirlo con quello più semplice visibile sopra per ottenere un incremento delle entrate Adsense. Inoltre, essendo questo header più sottile, molti contenuti sono stati spostati verso l’alto entrando così nell’area “above the fold”.
  8. Un box di annunci, fissato un CTR, riceverà più click all’aumentare delle impressioni, quindi all’aumentare del page view. Offrite ai vostri lettori, alla fine di ciascun articolo, la lista di 5 articoli correlati. Questo accorgimento aiuterà anche l’usabilità del vostro sito.
  9. Create un vostro Adsense Journal, ossia un foglio excel in cui mensilmente appuntate dati come: revenue, impressioni, CTR, eCPM, EPC e numero di click. Create dei grafici di questi dati mensili. Resistete alla tentazione di guardare tutti i giorni il vostro account Adsense perchè giorno per giorno ci possono essere fluttuazioni difficili da spiegare in maniera razionale, mentre con i dati mensili è possibile farsi un’idea di come sta andando il vostro sito. Fate qualcosa di analogo con i dati di Google Analytics raccogliendo le seguenti info mese per mese: visite mensili, pagine viste mensili, visite medie giornaliere, pagine viste medie giornaliere, bounce rate, tempo medio sul sito e % nuove visite.
  10. Tutti consigli che vi sto dando potrebbero no funzionare per il vostro sito, quindi prendete l’abitudine di fare da voi i vostri test. Il miglior modo per eseguire un test è lo Split Test A/B. Supponiamo voi vogliate vedere per un annuncio se per il colore del titolo bisogna usare nero o blu. Create un annuncio A con titolo nero e uno B con titolo blu. Se in un giorno ci sono 1000 impressioni per l’annuncio fate in modo che 500 volte appaia A e 500 B. Eseguite il test diversi giorni e alla fine osservate quale dei due annunci ha ricevuto più click (in realtà conviene usare il CTR perchè le impressioni di A e B potrebbero variare di poche unità) . L’annuncio con più click sarà il vincitore e verrà utilizzato da questo momento in poi sul vostro sito.

Dopo questa serie di consigli è tempo di metterli in pratica, se non avete un sito e desiderate averlo non perdete altro tempo e cominciate da subito. Se avete già un sito e blog vi offro anche il mio aiuto per migliorare le vostre entrate adsense.  Gli iscritti alla newsletter possono inviarmi una email a redazione AT disegnoepittura.it, entro e non oltre il 14 Agosto, con le seguenti info:

  • nome
  • cognome
  • sito web
  • permesso di utilizzare il sito come caso di studio in miei successivi articoli così da mostrare a tutti gli utenti del blog casi reali di utilizzo.
  • nel subject specificate “Review Adsense”

dopo il 15 Agosto analizzerò il sito e collezionerò una serie di suggerimenti per migliorarlo e li notificherò all’autore. Quando avrò collezionato informazioni sufficienti da uno o più siti per scrivere un articolo mostrerò agli utenti del blog questi casi studio in modo da vedere in pratica come applicare i miei suggerimenti.

Se non sei iscritto alla Newsletter e desideri usufruire di questo servizio non perdere altro tempo, inserisci il tuo nome e indirizzo email nel form in alto a destra riceverai gratis anche l’ebook “Come Dipingere con la Tecnica dei Fiamminghi”.

Se non hai ancora letto gli altri articoli su come guadagnare online con Adsense ti consiglio di farlo subito.


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Parla alla tua mente

*