Come scegliere la forma del foglio da disegno o della tela per dipingere

thumb_frame

“Realizzare un dipinto è come eseguire il dilitto perfetto, tutto deve essere pianificato nei minimi dettagli”
Seurat

La frase di Seurat non è stata scelta a caso. Un dipinto ben eseguito è sempre il risultato di una serie decisioni prese dopo un’attenta valutazione. L’arte è istinto ma spesso anche logica, una logica che l’artista deve usare affinchè l’osservatore subisca consciamente o inconsciamente gli stimoli che l’autore vuole dettargli.

Tra le scelte dell’artista sicuramente c’è la forma del supporto che ospiterà l’opera. Spesso diamo per scontato che la forma debba essere rettangolare. In commercio la maggior parte delle tele è rettangolare con dimensioni standard (40×50, 50×70, ecc.). I più esigenti creano da se i propri supporti dimensionando (a volte) il supporto in base alle regole auree (un pò come facevano gli artisti del passato).
La forma rettangolare può essere usata in due varianti: orizzontale e verticale. La prima usata spesso per i paesaggi mentre la seconda per i ritratti. Il motivo è semplice. Quando i nostri occhi guardano un paesaggio (spesso apparenetemente sconfinato) il cono visuale è sempre più esteso in direzione orizzontale rispetto a quella verticale. Fateci caso, quando guardate qualcosa riuscite a vedere più da destra a sinistra che non da sopra a sotto.

Viceversa, nei ritratti o per la figura umana si usa la forma verticale perchè quest’ultima si sviluppa principalmente in senso verticale.

Il quadrato quasi mai è usato dagli artisti anche perchè l’eccessiva simmetria rende poi il soggetto troppo monotono. Il cerchio soffre dello stesso problema anche se qualche esempio d’uso si trova nella storia dell’arte. Manco a farlo apposta uno dei miei dipinti preferiti è stato realizzato in un’area circolare. Qui la scelta del supporto si accompagna a un’adeguata composizione per raggiungere l’obiettivo che si è preposto l’artista.

Esistono poi i supporti ovali, usati raramente oggi forse un pò di più nel passato.

Volendo si può realizzare un dipinto in un’area circolare o ovale anche su un supporto rettangolare. Il trucco è di acquistare un foglio adesivo da cui va ritagliata l’area circolare o ovale. Si attacca il foglio sulla tela e si dipinge. Quando si finisce (anche se il colore non è secco) si rimuove il foglio. Lo spazio bianco che rimane si può coprire con un’opportuna cornice o si può decorare opportunamente.

In futuro proporrò qualche lavoro del genere.


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. francesca dice:

    MI AIUTI?VORREI ENTRARE ALL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI SAI IO HO FATTO RAGIONERIA E SONO UN AUTODIDATTA E DI PROSPETTIVA ECC NN NE SO MOLTO MA AMO DISEGNARE E ORA KE SN ANDATA A KIEDERE MI HANNO DETTO KE SI FARANNO DISEGNO GEOMETRICO E PROSPETTIVA NN SO COME FARE…FRANCESCA

Parla alla tua mente

*