Dipingere come Rubens, Vermeer, Rembrandt. (IV parte)

rose

Grisaglia

La grisaglia può essere considerato, a tutti gli effetti, un sinonimo di chiaroscuro. In questa fase esso non verrà realizzato con un solo colore diluito con la miscela di damar e trementina, bensì con una scala di grigi. Gli artisti di lingua anglossassone che utilizzano questa tecnica chiamano questa fase Dead Layer che, tradotto letteralmente, sarebbe una specie di “strato morto” che sicuramente non suona molto bene. Il termine “morto” viene usato perchè in questa fase si utilizza una scala di grigi ottenuto mediante una tavolozza di terra (o tavolozza “morta”) composta principalmente da bianco e nero più alcuni colori come: giallo ocra, terra d’ombra bruciata ecc.

Obiettivo di questa fase è quello di conferire al dipinto il tipico aspetto perlato dei quadri fiamminghi, dove tutto sembra illuminato da una luce molto simile a quella proiettata dalla luna.

Prima di iniziare si stenda anche in questa fase una mano d’otonlio di lino come visto nelle fasi precedenti. Aspettiamo almeno una decina di minuti prima di iniziare il nostro lavoro.

Preparazione Tavolozza

Si comincia preparando il colore più scuro (nero) e più chiaro (bianco) della scala di grigi. Il primo lo realizziamo con una miscela composta da 2 parti di nero avorio + 1 parte di terra ombra bruciata + 1/8 blu di prussia. Il secondo colore lo realizziamo con una miscela di bianco titanio o zinco + pochissimo nero avorio (vedi prima figura sotto). Poi realizziamo la miscela del mezzotono centrale con 2 parti del primo colore e 1 del secondo. A questo mezzotono va aggiunto pochissime quantità di giallo ocra, terra ombra bruciata e blu di prussia. A seconda se si desidera un risultato tendente al verde, marrone o blu le quantità di questi colori possono variare a nostro piacimento, l’importante è che il mezzotono non tenda al viola. Qualunque scelta si faccia e fondamentale che il mezzotono rimanga un grigio a tutti gli effetti (vedi seconda figura sotto).

Tra il mezzotono e il mix più scuro creiamo due toni intermedi. Tra il mezzotono e il mix chiaro creiamo 5 ulteriori toni intermedi. In totale i toni saranno 10.

rose-fig6

Applicazione del colore

E’ necessario, a questo punto, fare qualche considerazione su come applicare il colore sulla tela. In figura è possibile notare che il colore va applicato in piccole pennellate. Tra una pennellata e un’altra si lascia un pò di spazio da cui traspare lo strato pittorico sottostante. Questa modalità di applicazione del colore va eseguita su tutta la tela anche nelle zone più ampie. Terminata l’applicazione si procede a sfumare il colore con un pennello piatto largo asciutto.

rose-fig7

Per le zone in ombra è conveniente applicare il colore più diluito in modo che traspaia di più, nelle zone di luce (più chiare) il colore va applicato ad impasto (cioè più carico di colore). Il motivo per cui si fa ciò è semplice. L’impasto tende ad avanzare, mentre la trasparenza a recedere.

Questo è il risultato finale, una volta completato si lasci asciugare il lavoro per 3-4 settimane.

rose-fig8

Grisaglia fase 2 (opzionale)

Dopo la prima fase di grisaglia è possibile ripetere il processo solo nel caso in cui si voglia applicare qualche correzione. Prima di iniziare, si procede con la consueta stesura dell’olio di lino seguendo le stesse indicazioni riportati nei passi precedenti. Dopo una decina di minuti dall’applicazione, si può iniziare ad applicare le correzioni utilizzando i colori definiti nel passo precedente. Se tra il passo precedente è quello attuale sono trascorsi più delle 3-4 settimane consigliate è necessario strofinare una cipolla sull’intera superficie prima di applicare l’olio. La regola della cipolla può essere applicata in qualsiasi fase in cui il dipinto è rimasto fermo per diversi mesi (almeno due). Questo migliorerà lacoesione tra il nuovo colore e la superificie eccessivamente asciutta. Finito il lavoro si lasci asciugare il lavoro per qualche settimana.

Hai letto le altre puntate della serie di articoli Dipingere come Rubens, Vermeer e Rembrandt? Segui i seguenti link per leggere le altre puntate:

Dipingere come Rubens, Vermeer e Rembrandt. (I parte)

Dipingere come Rubens, Vermeer e Rembrandt. (II parte)

Dipingere come Rubens, Vermeer e Rembrandt. (III parte)

Dipingere come Rubens, Vermeer e Rembrandt. (V parte)


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. Saluti a tutti,lo so’ sono gia iscritta da tempo ma non riesco l’ebook e mi spiace molto,saluti liana

  2. scusate,a scaricare l’ebook

  3. non riesco a scaricare l’ebook. Potrei avere il libro pagando alla consegna ovviamente anche le spese di spedizione?
    Se è possibile fatemelo sapere con email e comunque il mio indirizzo di residenza è: Via della Pirite n.2 58100 Grosseto.
    Grazie.

Parla alla tua mente

*