Dipingere un Paesaggio ad Acquarello

dipingere paesaggio acquarello

Materiali

Colori Acquarello
Terra d’Ombra Bruciata
Blu Cobalto
Verde Hooker
Terra di Siena Bruciata
Giallo Ocra
Carminio d’Alzarina
Rosso Chiaro
Blu Oltremare

Pennelli

1,5″ Piatto
3/4″ Piatto
n° 8

dipingere paesaggio acquarello

Com’è possibile osservare da questa immagine la prima cosa che è stata fatta è un semplice disegno del paesaggio. Quando dico “semplice” intendo dire senza ombreggiature di alcun tipo. Con il pennello piatto 1.5″ ho colorato il cielo inumidendo prima l’area con l’acqua e poi utilizzando il blu cobalto. Nelle zone d’ombra delle nuvole ho mischiato poco rosso cadmio chiaro al blu. Mentre il cielo era ancora leggermente umido ho iniziato a colorare gli alberi che fungono da cornice per gli edifici. Per fare ciò ho utilizzato il pennello tondo n° 8 stendendo prima una strato molto diluito di giallo ocra e, successivamente, un mix di verde Hooker e terra di siena bruciata mentre lo strato precedente era ancora umido. Da notare che, dove gli alberi si uniscono agli edifici, il colore diventa più scuro. Per ottenere questa miscela più scura ho usato un mix di blu cobalto e rosso cadmio chiaro. Questo consente agli edifici di staccarsi maggiormente dagli alberi.

dipingere paesaggio acquarello

Nella fase successiva, per i tetti più distanti, cioè quelli appena visibili, ho usato blu cobalto con un tocco di rosso cadmio. Il colore va applicato in maniera veloce e molto abbozzato, il colore deve essere tenue, cioè molto diluito, perchè gli edifici sono molto distanti. Per le pareti degli edifici ho usato giallo ocra mischiato con terra d’ombra naturale. Anche qui il colore deve essere molto diluito per apparire tenue. Avanzando ulteriormente, ai due edifici principali, il tetto per entrambi va colorato con un mix di blu cobalto and terra d’ombra naturale utilizzando il pennello piatto ¾”. Una volta asciugati, ho picchiettato con lo stesso colore solo più saturo (cioè meno tenue), per dare l’impressione della pila delle tegole.Per il pub (la casa che vedete colorata è in realtà un pub) ho usato terra d’ombra naturale mischiato con giallo ocra per la parte in luce, poi solo terra d’ombra naturale per la parte in ombra. Per le finestre non dipingete le serrande, a quella distanza questo tipo di dettagli non è pecettibile. Ho usato blu cobalto con pochissima terra di siena bruciata per ottenere un blu grigio e con la punta del pennello tondo No.8 ho messo un pò di colore nelle finestre. Una volta che l’edificio si è asciugato, con il pennllo tondo N° 8 e una miscela di terra ombra naturale e terra di siena bruciata ho dato pochi colpi qua è la per dare l’indicazione delle pietre. Per l’ombra che permette poi all’intero edificio di staccarsi ed avere una parvenza realistica, ho usato una miscela di blu cobalto, carminio alzarina e terra di siena bruciata. Si noti come sono scure le zone intorno alle finestre e sotto il cornicione del tetto.

dipingere paesaggio acquarello

Ora per l’erba che cresce intorno all’edifico, ho usato il pennello tondo N° 8 con giallo ocra per stendere una prima velatura. Poi ho utilizzato una mistione di verde di Hooker e Terra di siena bruciata per la parte in ombra. Per indicare i fiori basta qualche punteggiatura di rosso di cadmio inframezzato con una mistione di verde di Hooker e Terra di siena bruciata. Notate che c’è un’ampia zona nera nella parte alta dell’edificio in fondo. In questa zona era scritto il nome del pub. Per dipingere quest’area ho usato blu oltremare e terra di siena bruciata. Per gli edifici in primo piano ho utilizzato esattamente lo stesso processo e colori ma con meno dettagli, questo perchè voglio che l’occhio dell’osservatore salga lungo la strada per fermarsi sull’edificio in fondo.

dipingere paesaggio acquarello

Per i cespugli intorno alla casa ho usato esattamente lo stesso processo e gli stessi colori degli alberi dietro il pub. Per le piante che crescono sulla parte anteriore dell’edificio in primo piano ho usato esattamente lo stesso processo utilizzato per l’edera che cresce davanti al pub, ma con colori un pò più intensi soprattutto per la parte in ombra realizzata con blu cobalto, carminio d’alzarina e terra di siena bruciata. Per la zona ghiaiosa compresa tra l’erba e la strada ho usato il pennello piatto 3/4″ e una mistione di blu cobalto e rosso chiaro molto diluito con acqua.

dipingere paesaggio acquarello

Per l’edificio che appare sulla sinistra ho usato esattamente lo stesso processo degli altri edifici, anche i colori sono gli stessi anche se un pò più intensi. Notate quanto bianco è stato lasciato attorno alle finestre, questo serve a catturare la luce proveniente dal mio punto di vista. Per l’erba a destra ho usato il pennello piatto 3/4″ prima stendendo un velo molto tenue di giallo ocra e mentre questi era ancora bagnato ho aggiunto il verde di Hooker e terra di siena bruciata e ho lasciato che i colori si amalgamassero tra loro.

dipingere paesaggio acquarello

Ho usato la stessa procedura per l’erba sul lato sinistro della strada. Per dipingere la strada ho utilizzato il pennello piatto 3/4″ con una mistione di blu cobalto e rosso chiaro e facendo attenzione che il colore diventasse più tenue man mano che ci si allontanava. Prima che il colore asciugasse completamente con lo stesso pennello ho rimossoun pò di colore così da suggerire le zone di luce.

dipingere paesaggio acquarello

Infine, ho dipinto le ombre portate. Questa è la parte più importante dell’intero dipinto perchè aggiunge un effetto realistico a tutto il quadro e determina la sua buona riuscita. I colori usati sono blu cobalto, carminio d’alzarina e terra di siena bruciata e il pennello 3/4″.

Fonte: www.charlesevansart.com


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. letizia dice:

    COME FAI A RIMUOVERE UN PO\’ DI COLORE PER DARE LUCE?L\’ACQUARELLO MACCHIA MICA SI PUO\’ RIMUOVERE…TU COME FAI LO LAVI?MI PUOI SPIEGARE MEGLIO GRAZIE….

  2. Ciao,
    per dare punti di massima luce devi lasciare bianco il foglio. Quindi all’inizio del lavoro devi già sapere quali sono questi punti e non colorarci sopra. Per evitare errori puoi metterci del liquido per maschere e rimuoverlo alla fine.
    Cmq, per rimuovere il colore ad acquarello è sufficiente prendere il pennello pulito bagnarlo un pò è passarlo sopra la zona da schiarire.
    Attenzione che però il colore non lo rimuoverai completamente, inoltre ti suggerisco di fare qualche prova su un foglio a parte.

  3. letizia dice:

    grazie,comunque ho cercato questo liquido ma non l\\\\\\\’ho trovato devo chiedere in un negozio piu\\\\\\\’ specializzato…..

  4. dovresti provare con negozi di belle arti o su internet

  5. bellissimo sito complimenti e bravissimo anche a dipingere 🙂

  6. francesca dice:

    Complimenti per il sito…stò frequentando un corso di pittura e dopo le ultime 2 lezioni sull’acquerello ho messo in dubbio l’attendibilità dell’insegnante(specie dopo aver visitato il tuo blog).Mi ha detto che nella pittura il nero nn bisogna usarlo…ok!ma allora i grigi come li ottengo???e poi si ostina a farmi usare il bianco, esempio per le parti tipo le nuvole…vabbè alla fine dei conti sembra che ho usato le tempere anzichè gli acquerelli perchè mi fa aggiungere poca acqua…sbaglia lui o io?

  7. sasadangelo dice:

    Ciao,
    non credo che puoi valutare un insegnante solo per questo o quel consiglio. L’importante è fissare obbiettivi e verificare che vengano raggiunti.

    La credenza che il nero non si debba usare viene da lontano. Gli impressionisti consigliavano di non farlo per la sua scarsa propensione ad armonizzarsi con le altre tinte. Soprattutto se è nero di marte.

    Ma come spiegato più volte non c’è alcuna ragione scientifica che impedisca l’uso del nero. Lo usava anche Velasquez, Caravaggio, ecc.

    Per i grigi è facile pensare di usare bianco e nero. Ma questo genere di grigi possono andare bene per ridurre la saturazione di colori ma usati così nei paesaggi è meno consigliabile. E’ preferibile usare grigi otennuti mediante mistione di colori complementari come spiego qui:
    http://www.disegnoepittura.it/come-dipingere-paesaggi-colori-grigi-bellissimi/

    Per il bianco nell’acquarello è vero la prassi comune è di non usare il bianco ma l’acqua per la semplice ragione che si ottengono colori chiari senza un’eccessiva perdita di saturazione e shift verso il blu. A me, tuttavia, è capitato con gli acquarelli tascabili di non riuscire a diluire il colore per ottenere la tinta di incarnato che desideravo. Quindi ho usato il bianco.

    In generale, accetta sempre i consigli di chi ne sa più di te (nel tuo caso forse il prof). Valuta, però, con il buon senso se dietro un consiglio del tipo “non fare questo …” c’è una motivazione logica che condividi. Cerca sempre di prendere la parte buona da chi ti sta accanto. Poi è normale che ci sono insegnanti da cui si impara di più e altri da cui si impara di meno.

    Inoltre, fai tua una regola solo quando ne hai verificato l’efficacia.

  8. complimenti per il sito, volevo far luce sul argomento dei pennelli se uso un pennello da 3/4 piatto la grandezza del dipinto come dovra essere? a questo proposito penso spesso anche in certi libri che questo particolare sia dimenticato.

  9. Paolo/insegnante all-accademia di belle arti di san pietroburgo Russia dice:

    Credo che l-opera che presenti sia troppo dettagliata nei particolari. Punterei di piu’ sulle masse di colore che sul dettaglio. Ad esempio il verde dei cespugli dietro la fattoria dovrebbe essere dipinta con toni piu’ scuri per dare risalto alle case ed eviterei di soffermarmi sui fiorellini rosa visto che essi non si trovano in primo piano.
    Comunque a mio parere la composizione e la luce sono discrete.
    Il cielo a mio parere dovrebbe essere dipinto in modo diverso, visto che siamo di fronte ad un acquerello.
    Questo e’ solo un mio parere, come se fossi di fronte ad un mio allievo, percio’ la prego, non si offenda>Buongiorno

Parla alla tua mente

*