Come disegnare piani inclinati in prospettiva

In questo articolo vedremo come disegnare piani inclinati in prospettiva. Consideriamo un piano A in prospettiva centrale rispetto al punto focale PFC e posto su un piano B.

Volendo che A sia un piano inclinato rispetto a B tracciamo un punto focale PFC1 sopra il punto PFC e facciamo partire due linee dai due punti posteriori del piano A verso questo nuovo punto.


Se, invece, avessimo voluto A sottoelevato rispetto al piano B avremmo dovuto far convergere le linee verso un punto PFC2 più in basso rispetto a PFC.

Ma a cosa può servire saper disegnare piani inclinati in prospettiva?

Nel disegno ci sono tantissime circostanze in cui la conoscenza di questi principi può aiutarvi. Pensate, ad esempio, il disegno di una strada. Disegnare una strada con diversi piani di inclinazione potrebbe risultare più interessante rispetto ad una strada piatta.

Un’altra applicazione della prospettiva dei piani inclinati è il disegno dei tetti delle case spesso anch’essi inclinati. Disegniamo una semplice casa in prospettiva centrale come già visto nell’articolo Casa in Prospettiva.

La prima cosa che notiamo è che la casa ha un tetto inclinato le cui linee prospettiche convergono verso il punto di fuga PFL1 posto più in basso rispetto al punto di fuga laterale sinistro PFL. Qui qualcuno potrebbe domandarsi: ma in prospettiva centrale non dovrebbe esserci un solo punto di fuga? Perchè traccio anche il punto di fuga laterale sinistro che è presente solo in prospettiva accidentale?

In realtà in un disegno c’è sempre una linea d’orizzonte con il punto di fuga centrale e i punti di fuga laterali. Ciascun oggetto poi è visto in prospettiva centrale o accidentale a seconda della sua posizione rispetto all’osservatore.

Chiarito questo equivoco molto comune notate come per la casa A, che viene visualizzata in prospettiva centrale tutte le linee convergono verso PFC eccetto per il piano inclinato del tetto. La casa B, invece, è in prospettiva accidentale, tutte le linee convergono verso i punti focali laterali compresi le linee prospettiche del tetto che però convergono verso PFL1 anzichè PFL o PFR.

Un’altra applicazione della prospettiva dei piani inclinati è, ad esempio, nel disegno delle scale.

Hai letto i restanti articoli della serie La Prospettiva? Ecco l’indice degli articoli disponibili.


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. M.Cristina Curti dice:

    La prospettiva del fabbricato A in prospettiva centrale è sbagliata e fuorviante. Il fronte anteriore e quello posteriore sono paralleli poichè i piani che li contengono sono paralleli al quadro dunque i punti di fuga delle rette inclinate sono all’infinito pertanto uno di questi non è PFL1 come raffigurato nel disegno . Infine, in una prospettiva non ci sono sono solo tre punti di fuga ( centrale e laterali) ma infiniti punti di fuga, la linea d’orizzonte è una retta punteggiata costituita dagli infiniti punti di fuga di tutte le infinite rette orizzontali.

  2. Il fabbricato A e B sono i prospettiva centrale e le linee di fuga notoriamente convergono verso il punto di fuga centrale. Questo non toglie che anche in questa prospettiva centrale (e non solo quella accidentale) i punti di fuga laterali svolgono il proprio ruolo.

    Dice bene i punti di fuga sono infiniti ma fissato il punto di osservazione, la direzione della testa, la distanza dal piano di proiezione e la posizione degli oggetti è 3. Se un oggetto ha un piano parallelo al piano di proiezione come A e B allora le linee di fuga convergono verso il punto centrale (questo non toglie che alcune linne convergano verso i punti laterali), se l’oggetto ha uno spigolo parallelo al piano allora le linee convergeranno verso i punti laterali.

    Se l’oggetto è disposto in maniera non allineata avrà 4 punti di fuga e così via.

    Quest’articolo si inessta in una serie di articoli sulla prospettiva e va valutata nell’intero contesto.

    Poi ognuno fa le sue valutazioni. L’obiettivo era quello di spiegare in maniera elementare la prospettiva a persone completamente digiune sull’argomento.

    Ad ogni modo se fornisce link per argomentare meglio quanto lei sostiene si potrà valutare se lei sta introducendo nella discussione qualcosa di nuovo, qualcosa di già trattato altrove.
    Grazie

Parla alla tua mente

*