Come dipingere i colori del tramonto nel paesaggio?

sunset31

Su questo blog, in diverse occasioni, abbiamo parlato di prospettiva aerea. Con quest’articolo vogliamo fare un ulteriore passo avanti discutendo anche di cosa accade al tramonto.

Consideriamo un osservatore sulla terra che osserva l’orizzonte. Il suo cono visuale è, ovviamente, limitato. Tutto quello che vede, viene proiettato su un piano di proiezione. L’osservatore, così come ogni cosa sulla terra è avvolto dall’atmosfera. Possiamo immaginare, quindi, che tra lui è l’orizzonte ci siano veli di atmosfera. Come si può verificare nella parte alta del suo cono visuale, ci sono meno veli di atmosfera rispetto all’orizzonte. Questo comporta che a parità di distanza gli oggetti posti più in alto (es. cime montagne) sono più scure rispetto alla base.

colori tramonto

Quanto detto sopra, vale anche per il cielo. Chi sa dipingere un cielo basilare sa che esso deve essere più azzurro in alto e più chiaro verso l’orizzonte.

Sul sito www.bo.astro.it leggiamo:

Vicino all’orizzonte il cielo è di un azzurro più chiaro perché la luce, per raggiungerci da questa direzione, deve attraversare più aria e viene diffusa maggiormente; pertanto siamo raggiunti da una minor quantità di luce blu.

Se nel nostro paesaggio c’è il mare, questi riflette molto i colori dell’atmosfera, per cui gli stessi colori usati per essa li ritroviamo nel mare. Si osservi che anche il mare è più scuro nel primo piano (dove riflette i colori più in alto dell’atmosfera) e più chiaro all’orizzonte.

All’orizzonte il mare è più scuro rispetto al cielo. E come se l’orizzonte del cielo fosse disposto più lontano rispetto a quello del mare,  cosa che se osservate la prima figura diventa palese visto che il mare è collocato sulla terra.

In alto il cielo è un rosso/blu. Man mano che ci avvicina all’orizzonte il cielo è più chiaro e blu. Per il mare vale un discorso analogo, solo che il colore è più scuro. Nel primo piano, quando il colore della sabbia si mischia con quello del mare un velo verde si aggiunge.

background

Foto da http://www.wetcanvas.com/ArtSchool/Hagan/menu.htm

Se collochiamo 2 oggetti identici nella nostra scena, come ad esempio due navi, la prima sarà più nitida rispetto alla seconda. Questo perchè tra l’osservatore e la seconda nave ci sono più veli d’aria rispetto alla distanza con la prima.

Come già detto più volte nel blog per colorare la seconda nave si utilizzano gli stessi colori usati per la prima ma mischiati con il colore usato per l’atmosfera.

background-ships

Foto da http://www.wetcanvas.com/ArtSchool/Hagan/menu.htm

Cosa succede al tramonto? Sempre dal sito www.bo.astro.it leggiamo:

Nell’attraversare l’atmosfera, la maggior parte della radiazione di maggior lunghezza d’onda prosegue la sua traiettoria rettilinea. La luce rossa, arancione e gialla viene influenzata solo in minima parte dalla presenza dell’aria. Al contrario, la luce blu è diffusa in tutte le direzioni. In qualunque direzione si osservi, parte di questa luce giunge ai nostri occhi. Il cielo, pertanto, appare blu. Vicino all’orizzonte il cielo è di un azzurro più chiaro perché la luce, per raggiungerci da questa direzione, deve attraversare più aria e viene diffusa maggiormente; pertanto siamo raggiunti da una minor quantità di luce blu.

Se fossimo sulla Luna, a causa dell’assenza di atmosfera (e della diffusione ad essa connessa), il cielo apparirebbe nero e il Sole sarebbe bianco. Sulla Terra, invece, in conseguenza del Rayleigh scattering, parte della componente blu è rimossa dai raggi diretti del Sole che pertanto ci appare giallo. Questo effetto è amplificato al tramonto, quando il Sole è vicino all’orizzonte. I raggi solari diretti attraversano uno strato maggiore di atmosfera e vengono maggiormente impoveriti della componente blu. Il Sole, dunque, diventa sempre più rosso man mano che il tramonto procede.

Ricapitolando possiamo dire che quando il sole è basso i suoi raggi attraversano la superifie curva della terra ed incontrano uno strato atmosferico più spesso all’orizzonte. La componente blu del raggio viene riflessa di più rispetto agli altri colori tanto che essa scompare completamente all’orizzonte. Invece, le componenti rosso, arancio e giallo riescono a raggiungere l’osservatore perchè poco influenzate da questo strato.

All’orizzonte la componente rossa è molto forte. Man mano che si sale ritroviamo il gradiente dei colori dell’arcobaleno arancio, giallo, verde, blu, viola.

sunset

Foto da http://www.wetcanvas.com/ArtSchool/Hagan/menu.htm

Se nella scena c’è anche il mare, questi colori li ritroviamo anche in esso.

sunset31

Foto da http://www.wetcanvas.com/ArtSchool/Hagan/menu.htm

Passiamo alla pratica. Un modo semplice per dipingere un cielo al tramonto è il seguente:

  1. All’orizzonte dipingere una striscia di colore rosso.
  2. Più in alto aggiungere una striscia gialla che si affianca a quella rossa ma senza farle toccare, anzi lasciare una piccolissima striscia senza colorarla. Tra le due striscie lasciare in bianco il disco del sole.
  3. Sopra la striscia gialle coloriamo il resto di cielo con blu. Nella parte alta si faccia in modo di avere una tinta più viola, magari aggiungendo un pò di rosso al blu.
  4. A questo punto si prenda il pennello largo 2 pollici asciutto e si sfumino le tinte tra loro. Sfumando rosso e giallo otterremo una colorazione sfumata arancio (impercettibile). Sfumando giallo e blu otterremo una colorazione sfumata verde (impercettibile).
  5. Si colori il disco bianco del sole con puro bianco.

Fonte e Foto: Art Lessons John Hagan


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. mendula carla dice:

    spegazioni molto dettagliate

Parla alla tua mente

*