Campitura

Campitura

Sai che cos’è la campitura? Sai come essa potrebbe aiutarti a migliorare i tuoi dipinti?

Se mi seguirai in quest’articolo ti spiegherò che cos’è la campitura e come utilizzarla a tuo vantaggio nei tuoi dipinti.

Che cos’è la campitura?

La campitura è la stesura su tutta la tela di un strato di colore uniforme. Stendere una campitura di colore ha diversi vantaggi:

  1. influenza tutte le tinte che verranno applicate successivamente dando unità ed armonia al dipinto;
  2. rispetto al bianco della tela consente di giudicare meglio le tinte man mano applicate sulla tela.

C’è da dire che l’uso della campitura è opzionale per un’artista. Ci sono artisti che la considerano un passaggio fondamentale ed altri che lavorano direttamente sulla tela bianca. Gli artisti del Rinascimento Italiano e del Nord Europa erano soliti utilizzare campiture con colori di terra. Ad esempio, nell’Adorazione dei Magi di Leonardo è possibile osservare una campitura di questo tipo.

Adorazione dei Magi

La campitura va eseguita prima o dopo il disegno?

Anche qui ci sono pareri discordati. Se il disegno lo eseguirete direttamente con il pennello allora conviene eseguire prima la campitura. Se il disegno lo dovete eseguire a matita allora la scelta migliore è di eseguire il disegno a matita su tela bianca. Fissare il disegno con il fissativo in modo che la polvere di grafite non vada a mescolarsi con i colori. Poi ripassare il disegno con inchiostro di china con un colore molto vicino a quello della campitura. A quel punto si stende la campitura e vedrete che essa non cancellerà il vostro disegno che sarà perfettamente visibile. Un esempio di tale procedimento lo trovate descritto nell’articolo sulla tecnica dei fiaminghi.

Ma come si esegue una campitura?

Eseguire una campitura è semplice. Con un pennello largo si intinge nel colore prescelto e si inizia a stendere sulla tela. Il colore deve essere un po’ diluito con trementina in modo tale da accelerarne l’asciugatura. In questa fase non è importante coprire tutta la tela con il colore e nemmeno che lo strato di colore sia uniforme. Dopo aver steso il colore con il pennello bisogna prendere uno straccio e con movimenti circolari stendere il colore già presente sulla tela. Questa procedura coprirà tutta la tela e renderà il colore uniforme. Si lasci asciugare il colore. La procedura qui descritta la trovate spiegata in maniera più approfondita e con delle foto nel seguente articolo.

Un altro modo di stendere la campitura è quella di diluire il colore nello strato di Imprimitura. Ovviamente questo metodo è applicabile solo nei casi in cui non si dipinge sulla tela bianca acquistata in negozio ma la si prepara con un ulteriore strato di Imprimitura.

Quale colore bisogna scegliere per la campitura?

Sinceramente non ho una risposta a questa domanda. Su Internet si trovano teorie più o meno bizzarre di cui spesso è difficile verificare l’attendibilità. Alcuni artisti del passato come Leonardo sembra preferissero campiture con colori di terra. Caravaggio sembra utilizzasse campiture bruno rossastre anche se ci sono altre opere con campiture grigie. Alcuni artisti preferiscono usare il colore dominante del dipinto, altri in base all’atmosfera che si vuole creare nel dipinto. Credo, quindi, che l’unica risposta plausibile a questa domanda sia quello di sperimentare di volta in volta le varie campiture fino a trovare quelle per voi più congeniali.

In definitiva, ecco un esempio di tela su cui è stata stesa una campitura di colore uniforme.

Campitura di un dipinto


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. Ho iniziato un quadro che ha come tema una barca di legno e il mare. Mi sono praticamente bloccata perchè non riesco a fare le onde e gli schizzi. per favore fai un post su questo tema. grazie

  2. sasadangelo dice:

    Zaida, è da tempo che volevo fare post di questo tipo. Infatti se vedi nel wiki avevo iniziato a scrivere qualcosa sulle onde. Ma per venirti incontro anticiperò i post e vedrò di aiutarti.
    Anzi potrebbe essere il tuo soggetto uno spunto per diversi post.

    Giusto per capire cosa vuoi dipingere mi mandi la foto del soggetto su cui stai lavorando?

    L’email è koala.gnu AT tiscali.it

  3. Zaida mandami una foto del soggetto su cui stai lavorando a koala.gnu AT tiscali.it

  4. MetAlCorE dice:

    ho appena scoperto questo blog mentre facevo ricerche sulle tecniche pittoriche…
    aspetta che abbia capito come fare ad iscrivermi e, collegamenti permettendo, mi piacerebbe partecipare un pochino 🙂

    tieni presente però che, almeno io, mi vergogno un po’ a pubblicare qualcosa, non ritengo di essere all’altezza. forse anche gli altri tuoi lettori si sentono un po’ intimiditi 🙂

  5. Non c’è iscrizione se non alla newsletter che, purtroppo di recente invio di rado.

    Sul discorso della partecipazione penso tu abbia ragione. Forse perché il blog viene percepito come una cosa del tipo: “c’è un esperto che pubblica i post”. In realtà non è così. Io sono un autodidatta come tanti pittori e non sono nemmeno così esperto. Quello che vedete pubblicate sono spesso articoli ripresi da altri siti, giornali, libri che io ho sperimentato e che considero validi.

    Per quel che riguarda “la vergogna” pensa solo che qui nessuno è esperto. In passato qualcuno mi ha inviato i propri lavori che io ho pubblicato senza esitazioni. Qualcuno mi ha chiesto un parere sincero io l’ho dato, spero solo di non essere stato troppo duro. Mi dispiacerebbe molto.

    Ho aperto il blog per mettere su “carta” quello che imparavo di volta in volta e fornire qualche risultato ottenuto al lettore, ma anche ricevere da questi suggerimenti x migliorare.

    Non è uno spazio x me, è per tutti ecco perchè mi piacerebbe creare qualche collaborazione.

    Devo ammettere che è difficile tenere aggiornato il blog, ho molti articoli da pubblicare ma metterli in ordine, scriverli richiede un pò di tempo …

    Spero di rivederti sul blog
    Ciao

  6. Ciao Salvatore,

    non sono molto esperta di internet e prometto di inviarti una foto del mio quadro (a metà percorso) appena possibile. Grazie ancora per avermi risposto!!!

  7. ciao,
    ho da porti una domanda di una persona inesperta che ha voglia di imparare tutti i segreti e le nozioni per cominciare ad approcciarsi al mondo della pittura…

    la Campitura viene utilizzata esclusivamente per i colori ad olio,oppure anche per i colori acrilici?
    concludo dicendoti che è da un po’ di mesi che cerco di documentarmi sui rudimenti della pittura,ma nessun manuale,finora mensionato,è riuscito ad esaudire tutte le mie domande ,come gli articoli pubblicati su questo blog.
    complimenti!!!

  8. sasadangelo dice:

    Ciao doriana,
    puoi usarla anche con gli acrilici. Riguardo la campitura ci sarebbe molto da dire. Innanzittutto, come spiegavo serve a dare alla tela un tono diverso dal bianco che aiuti a giudicare meglio i colori applicati, inoltre uniforma tutte le tinte sovrapposte.

    Alcuni artisti usano la capitura altri no in base al gusto proprio.

    Alcuni artisti saltano la campitura e fanno un primo studio in cui dipingono i vari elementi con pochi colore di base. Poi lasciano asciugare e poi nei successivi strati dipingono altri dettagli (vedi Cammarata).

    Ci sono artisti che fanno la campitura o la base con più colori in acrilico e poi finiscono con l’olio per il semplice motivo che l’acrilico asciuga presto. Lo stesso effetto però lo ottieni usando nelle prime mani l’olio con la trementina che, a differenza dell’olio, asciuga prima.

    Come vedi ogni artista fa le sue scelte. L’unica cosa che tu puoi fare è provarle tutte, l’esperienza ti aiuterà a scegliere la tecnica più adatta a te, ma almeno all’inizio devi provare di tutto.

  9. Anne Katrin Potthoff Sapia dice:

    Ciao Salvatore, oggi ho scoperto questo blog. Per la verità dipingo da quando sono piccola. Ho smesso un po perchè mi sono occupato di restauro ma adesso vorrei riprendere.Non ho mai dipinto a Olio e non so niente. Fino adesso, acquarello, pastello, tempera. Spero di riuscire con tuo aiuto. Ho iniziato qualche quadro ma ho difficoltà con la stesura del colore. Da mio padre ho ereditato colori ad olio in tubi… ma come ti ho detto sono difficile a stendere. Forse faccio anche ridere ma forse puoi dare qualche consiglio. Grazie

  10. mi è piaciuto molto l’articolo

  11. ho appena iniziato a fare qualcosa ma nn sono molto pratica e mi piacerebbe imparare spero che con il tuo blog potrò imparare qualcosa la voglia c’è

  12. Ho trovato molto interessanti gli argomenti trattati..
    ho iniziato un corso di pittura da poco ma mi trovo spesso a pensare di fare le cose diversamente da quanto dice l’insegnante.
    Io avrei preparato la tela con una base ma ci fa disegnare direttamente,senza campitura. Ti seguirò con interesse 🙂

  13. La campitura non è fondamentale. Eccellenti pittori dipingono senza. La campitura conviene se fai prima un abbozzo con un solo colore, allora capisci la tela con un colore chiarissimo così da avere i chiari già pronti.
    La campitura ha un altro beneficio. Se mescoli i colori su una tavolozza di legno marrone, quando li applicherai alla tela bianca sembreranno diversi. Questo perché il colore circostante ifluenza il colore. Ma se non usi la tavolozza di legno, ma invece un piattino bianco, forse è meglio usare la tela bianca. Non ci sono regole in pittura. Quello che conta è il risultato. La tecnica è solo un mezzo.

  14. sasà, parli un botto ma sembri un tipo in gamba! 😉 anche a me piace dipingere, ho iniziato a leggere il tuo sito e sicuramente lo approfondirò, ho trovato molte cose interessanti.. continua così 🙂

Parla alla tua mente

*