Autunno sul Fiume

Autunno sul Fiume
Questo è un dipinto che ho copiato da una foto trovata sul web. Voglio condividere con voi il mio metodo di esecuzione .

Questa è la foto originale da cui ha dipinto Autunno sul Fiume

Foto Originale

Materiali

Supporto

Il dipinto è stato realizzato su un pannello MDF 30×40, sul quale ho passato tre mani di una miscela di:  30% Vinavil  + 70% acqua. Non ho fatto la campitura.

Colori

  • Cielo e fiume: bianco, grigio payne, pochissimo giallo di napoli.
  • Prati: verde cadmio, giallo permanente scuro, verde cinabro scuro, terra di siena bruciata.
  • Siepe (rossa): terra d’ombra bruciata  (fondo). Lacca scarlatta, rosso di cadmio chiaro, giallo permanente scuro, giallo di cadmio, bianco.
  • Siepe (verde): terra d’ombra bruciata  (fondo). Verde cinabro scuro, verde cadmio, verde vescica, giallo cadmio chiaro, giallo permanente scuro.
  • Tronchi degli alberi: terra d’ombra bruciata, blu oltremare, verde vescica, pochissimo bianco.

Medium

Liquin Original

Esecuzione

Disegno

Ho stampato la foto con le misure del mio supporto e l’ho trasferita con carta grafite. Come immagine da copiare io ho usato il tablet, in alternativa si può far stampare l’immagine dal fotografo (possibilmente in HD) e farla plastificare per poter fare il test del colore direttamente sulla foto.

Pittura

Premetto che man mano che dipingevo qualsiasi cosa, facevo subito anche  il riflesso nell’acqua. Ho fatto per prima cosa il cielo e il fiume (non tenendo conto degli alberi), la casa con il riflesso,  i prati e i muretti  lungo il fiume. Una volta asciutta la base del cielo e del fiume, ho fatto gli alberi e le barche.

In questa fase ho dipinto il Cielo e le Nuvole

Ho fatto le foglie sul tetto con i colori elencati, nella zona bassa del  tetto ho aggiunto del viola scuro. Ho definito di più il prato e le due siepi intingendo il pennello nei vari colori senza miscelarli tra loro e  poi ho picchiettato. Su alcuni tronchi ho aggiunto del verde vescica  miscelato con del giallo permanente scuro. Per ultimi  ho fatto i mattoni sulla parete della casa,  i particolari dei  muretti  lungo il fiume e ritoccato le barche.

In questa fase ho completato l'esecuzione della casa

Ho dipinto i rami degli alberi , creato il riflesso nell’acqua dei rami con le foglie e ripreso il muretto sotto i cespugli.

Ho dipinto in questa fase i rami con le foglie

Ho fatto le foglie sugli alberi sia a destra che a sinistra, sempre intingendo il pennello nei colori non miscelati tra loro e picchiettando, ho fatto i rami nel cespuglio a sinistra, ho definito la betulla e le barche ed ho scurito i tronchi degli alberi riflessi nell’acqua.

In questa fase ho dipinto le foglie

Ho lavorato sulle basi degli alberi a destra, definito l’erba e fatto le foglie sul prato a sinistra  e scurito alcuni tronchi a fianco della casa.

Siamo quasi alla fine del dipinto. Diamo gli ultimi ritocchi.

Ho lavorato sulla zona sopra la siepe a destra e fatto lo steccato, ho fatto  le foglie sul cespuglio a sinistra, definito il muretto lungo il fiume e scurito un pò tutti i riflessi nell’ acqua dei tronchi della casa e dei cespugli  e ……… messo la firma .

Dipinto Completato


Ti è piaciuto l'articolo?







   Stampalo    Stampalo

Iscriviti alla Newsletter

Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi
Iscriviti alla Newsletter riceverai gratis l'ebook Dipingere con la tecnica dei Fiamminghi


Commenti

  1. Stupendo 😀

  2. Sapienza Sonia dice:

    Grazie! Grande effetto! Bella lezione! Una grande opportunità!

  3. Ciao Cinzia,interessante lezione spiegata passo passo nei minimi dettagli e correlata dalle foto che illustrano il procedere del dipinto. Grazie per condividere la tua arte con tutti noi ! Ciao, Piergiorgio.

  4. sequenze chiare e ben illustrate aiutano molto una principiante come me. grazie

  5. sequenze chiare e ben illustrate aiutano molto una principiante come me. grazie anche se replicato questa è la realtà del momento

  6. GRAZIE X LA TUA DESCRIZIONE

  7. Vincenzo Fontanarosa dice:

    …Ottima l’opera e ben dettagliata la particolare descrizione che fa la differenza su altri tutorial/paesaggistica che girano sul web…Grazie di cuore a Cinzia che generosamente e con umiltaa’ ci ha reso partecipi , condividendo assieme questa nostra grande voglia di imparare a dipingere, con i suoi saggi consigli le bellezze del creato con i veri colori del mondo…
    Ed un grazie a Salvatore per tenerci aggiornati su tutto ciò che è arte….Fosse anche un semplice punto steso sulla tela….Conservero’ in memoria gelosamente questo tutorial….Anche perché ragazzi, Cinzia è sempre Cinzia…

  8. Michele Pitino dice:

    Carissimo Salvatore, mi congratulo con te per la pazienza che poni nell’esecuzione del lavoro e nella minuziosa e diligente descrizione dei vari passaggi tecnici. Con stima e simpatia, Michele Pitino –

  9. Buongiorno.Mi sono demoralizzato.Quando mai riuscirò a creare un’opera simile!BRAVA,BRAVA COMPLIMENTI

  10. Michele Pitino dice:

    Gentilissima Cinzia , per un errore di battuta, ho scritto Salvatore al posto del tuo nome “CINZIA”, un errore imperdonabile. Ti prego di perdonarmi. Cordialissimi sinceri saluti. Michele Pitino –

  11. Molto bello! complimenti!
    elena

  12. brava brava! mi piacerebbe poter lavorare con te.

  13. veramente bello , mi piacerebbe sapere 1 po anche del nudo , come fare il colore della pelle, i colori, poi 1 cosa, xchè non metti su yutub le tue lezioni? e male come idea? grz

  14. Grazie molte Salvatore per i tuoi aggiornamenti sul tema arte ,non amo molto i paesaggi ,preferisco la ritrattistica . Comunque faccio i miei complimenti a Cinzia per questo bellissimo paesaggio.

  15. Grazie Salvatore per la bella ed esauriente spiegazione, spero di diventare magari un decimo della tua bravura!

  16. pellegrino dice:

    bellissima lezione di pittura,congratulazioni,spero un domani di poter imparare altre tecniche cordiali saluti rino

  17. Prego . Sono felice che sia piaciuto !
    Michele non ti preoccupare sei perdonato . 😀
    Sergio , non ti demoralizzare , tutto sta ad incominciare e poi è importante imparare non a guardare ma a vedere…..il resto arriva con l’esercizio ( secondo me ).
    Manuela , su YT ce ne sono già un infinità di tutorial , non credo che manchi il mio , comunque grazie !
    Grazie a tutti ! 🙂

  18. Cara Cinzia,

    Cosa posso dire di meglio che non sia già stato detto prima? Fantastico dipinto e chiare spiegazioni. Spero di vedere presto un’altra tua opera con le tue chiarissime spiegazioni. I paesaggi sono la mia passione, peccato che io non ci riesca a pitturarli, ma farò del mio meglio a copiarti!. Grazie e a rivederti presto.
    Bruna

  19. complimenti… un ottimo lavoro ben eseguito, con un
    ottima spiegazione per chi vuole cimentarsi nell’eseguire questa tua opera o per farne una simile… spero presto di vedere altri tuoi lavori… ciao, Franco

  20. Grazie Cinzia ,
    molto dettagliata sia la descrizione dei vari dei passaggi che la mescolanza dei colori, il tutto supportato dalle foto. Chiara e limpida la luce con un bel riflesso.Complimenti per questo capolavoro. ciao.

  21. Stupendo lavoro. Ma non è troppo fotografico?

  22. Maria Elena dice:

    Sempre brava Cinzia, grazie dei tuoi articoli … meritavi te il premio artista dell’anno

  23. Devo dire non bene, ma BENISSIMO!!! Cara Cinzia sei stata superlativa!
    Un bel tutorial puntuale e preciso come ci si aspetterebbe da un professionista.
    Sei partita da dilettante come tanti nel forum di Sasà… Secondo me ora potresti benissimo intraprendere la professione perché come ti ho già detto in un’altra occasione, hai un talento innato che dovrebbe essere messo a frutto.
    Non mi dilungo oltre e ti ribadisco la mia ammirazione. Brava!

  24. ciao cinzia bellissimo lavoro.grazie per i prezziosi consigli. davvero un bel sito complimenti a SALVATORE D’ ANGELO continua cosi ti seguo sempre .SALUTI

  25. …forse vengo da un’altro pianeta, forse davvero non ho capito molto.
    Sono basito che una cosa come questa venga considerata interessante. Nel mio pianeta questo lo chiamiamo ‘che cosa apparirà’ . Ricorda molto anche i disegni stampati che comprava mia nonna e poi ci ricamava a punto croce sopra scegliendo i fili colorati……mi sono iscritto a questo sito ma ho paura di essermi già pentito……scusa Salvatore davvero non volermene ma ho un’altra visione e considerazione delle arti figurative, le vedo come mezzo espressivo e non ‘copia incolla’.

  26. Toni. Apprezzo la tua schiettezza anche se il commento è un già sentito ma non per questo lo disprezzo. L’obiettivo del blog è creare una community in cui ci si scambia consigli, trucchi, opinioni sul disegno e la pittura. Nulla di più. E’ mia opinione che prima di poter correre bisogna imparare a camminare e prima di camminare a stare in piedi e prima ancora, forse, gattonare. Proprio come i bambini. I bambini imparano a correre guardando gli adulti. Un passo dopo l’altro. Per un pittore l’adulto può essere oggi una foto, domani un soggetto dal vero, l’altro domani un composizione di propria creazione o un lavoro di un grande Maestro del passato. Per imparare a correre non bisogna vergognarsi di copiare. Non c’è nulla di male. Il tuo esempio del Filet non calza proprio mi spiace. Cinzia non ha preso una foto e ci ha pitturato sopra facendo qualche ritocchino. Ne mai in questo blog si promuovono queste pratiche senza senso.

    Diverso il discorso se uno sa già correre. Ma credo in Italia non ce ne siano più di una decina (forse meno) che forse hanno speranza di rimanere in qualche libro di Storia dell’Arte.

    L’importante per chi non ha pretese di vedere il suo nome scolpito nei libri di Storia dell’Arte è imparare a correre e lo si può fare senza porsi troppe domande. Un passo dietro l’altro. Per vedere dove ci porterà questa strada. Magari non si arriverà mai a correre … ma almeno ci siamo divertiti.

    Questo è il mio pensiero.

    Se poi ti scandalizza l’uso di un mezzo tecnologico per trasferire un disegno mi sembra una banalità. I più grandi artisti viventi non disdegnano l’uso di mezzi tecnologici. In fondo, se io so che riesco perfettamente a fare un disegno … ma per motivi di commesse … mi tocca farlo presto … per la parte più semplice (il disegno) uso il mezzo tecnologico. Ma per la pittura non ci sono scorciatoie. Quelle o la sai fare o no.

    Nemmeno gli antichi disdegnavano queste cose. In fondo, l’arte per loro era lavoro. Basta guardare il Trattato di Leonardo e il suo vetro con fermo centrale. La camera oscura di Caravaggio (anche se io su questa storia ho qualche perplessità) o la camera reflex di Canaletto solo per citarne alcuni.

    Con Cordialità.
    Salvatore

  27. robinud50cr dice:

    carissimi,
    tutte le esperienze sono utilissime.
    sintesi e chiarezza nel descrivere un metodo sono molto apprezzati.
    personalmente ritengo che adottare un metodo standard per fare un dipinto sia un pò come standardizzare il risultato che infatti assomiglia moltissimo all’originale senza avere nulla di “originale”.
    quindi, mi piace molto leggere i vostri articoli, consiglio però di lasciarsi andare anche nel modus di affrontare un dipinto in modo che la tecnica si pieghi alla emozione che poi alla fine resta nel risultato e spesso con vantaggio.

  28. Pasquale dice:

    Complimenti. Molto brava.

  29. grande Cinzia!
    bellissima esecuzione: sei riuscita a dare vita al quadro con dei colori veramente realistici. Sono notevolmente apprezzabili la tecnica ed i dettagli che sei riuscita a dare col pennello in un supporto di non grandi dimensioni, un lavoro certosino.

    Detto questo, invito il Maestro Toni che ha giudicato senza conoscerti, di andare a vedere i tuoi disegni a matita, i tuoi ritratti e le altre tele così da capire che tu, questo paesaggio, avresti potuto disegnarlo ad occhi chiusi e se hai voluto trasferirlo con la carta carbone avrai avuto i tuoi motivi.

    Termino infine sottolineando quanto detto da Salvatore ed invitando Toni a non giudicare un pittore senza conoscerlo e ad informarsi meglio sui Grandi Maestri del passato e del presente che, se pur capaci, spesso hanno utilizzato tecniche simili di trasferimento dell’immagine sui diversi supporti, pareti incluse.

  30. Complimenti non solo per il dipinto, ma anche per la chiarezza espositiva, efficace sul piano apprenditivo.

  31. Bravissima !!!!!!!!!!!

  32. gianni1953 dice:

    Una buona opera illustrata molto bene. Grazie e complimenti!
    Un ringraziamento a Salvatore per il proficuo lavoro, un ottimo sito utile e appassionante.

  33. Grazie mille Cinzia..! Una cosa volevo chiederti, visto che io ho iniziato da pochissimo: dopo la prima stesura del cielo e fiume hai fatto asciugare, ma hai fatto asciugare dopo ogni altro passaggio successivo che hai descritto? Oppure hai lavorato di seguito? 🙂
    Grazie 1000

  34. giovanni dice:

    Bravissima.Apprezzo molto la capacita’ di identificare ed abbinare i
    singoli colori fra loro.Questa e’ tecnica e penso che sia necessaria e
    alle volte indispensabile.Per fare un discorso piu’ ampio concordo
    perfettamente con Robinud50cr.Saluti a tutti ed in particolare a Cinzia (per l’ottimo risultato) e Salvatore( per la sua generosita’ e competenza).

  35. Intanto ringrazio di cuore tutti quelli che hanno apprezzato il mio lavoro e capito il mio intento !
    Per quanto riguarda Il signor Toni , intanto lo ringrazio per i termini usati e le critiche costruttive ! Volevo anche dirgli che non è su un’altro pianeta , è proprio sulla terra che è talmente grande che c’è posto per tutti !
    Non sto a difendermi perché non c’è nulla da difendere , se non la voglia di condividere quello che so fare . Nessuno è costretto a leggere i miei articoli . Anzi se lui o qualcun’altro avesse voglia di condividere con noi altre tecniche o generi di pittura gliene saremmo tutti grati .
    Non aggiungo altro perchè quello che avrei voluto dire lo hanno già detto Salvatore e Simone , che ringrazio e non perché mi hanno preso le parti , ma perché la penso esattamente come loro e chi mi conosce lo sa .
    Ps. Cito una frase di Salvatore come sintesi del mio pensiero : meglio una copia ben fatta che una ciofeca originale ( nel nome della creatività ) . 🙂

    Sonya in linea di massima ogni fase descritta è stata fatta sull’asciutto . Tieni conto che usando il Liquin come medium , l’asciugatura avviene in 24ore , però ogni sessione ci lavoravo dalle 3 alle 5 ore quindi sul bagnato .Ho specificato che ho lasciato asciugare il cielo e il fiume , per far capire che gli alberi e le barche non le ho fatte conteporaneamente al resto . Ciao 🙂

  36. Francesca D'Alessandro dice:

    Salve,bellissimo lavoro, mi dispiace non poterlo eseguire poiche’ non dipingo ad olio ma ad acquarello,Mi servirebbero dei consigli su vegetazione realistica,la mia difficolta’ è con i verdi. Grazie di tutto

  37. Silvia Mantovani dice:

    Wow!!!Bellissima opera Cinzia grazie per aver condiviso la tua arte con noi,chiarissime le fasi dei vari passaggi di grande aiuto per me che ho ricominciato a dipingere dopo un po di anni.Un grazie a Salvatore che ha reso possibile la realizzazione di un sogno il poter dipingere ad olio, tecnica che non era contemplata nel mio percorso di formazione in restauro.

  38. Grazie per aver condiviso il suo pregiato lavoro

  39. Esaustivo e stimolante!!!

  40. Ciao Salvatore
    Non mi sembra poi il caso di tirare in ballo Canaletto e Leonardo per giustificare Cinzia (per la quale non ho niente di personale).

    …se sei un bambino, fai disegni da bambino sei sei tecnologico fai disegni tecnologici se sei un mostro fai disegni da mostro se non hai idee e non sei originale fai i lavori di Cinzia: immagine già pronta, colori già pronti, dimensioni già pronte.

    Se passate il tempo così, come fare la torre Eiffel con i fiammiferi, fare cruciverba, va benone, ti giuro, non ho niente in contrario ma allora non capisco perché ti disturba il paragone del ricamo, anche quello è ‘passare il tempo’. 🙂
    Pensavo (sbagliando) che fosse più importante (nel mio pianeta è così) l’originalità dell’espressione personale aldilà delle tecniche.
    Che la tecnica, da subito, fosse a disposizione dell’espressione.

    I disegni dei bambini, quelli che gattonano, sono mille volte più belli di questo e lo sai perché? Perché se ne fregano delle tecniche e sopratutto se ne fregano di fare anche a costo di barare quello che chiamate, egoicamente: ‘un BEL disegno’.

    Se non mi credi, fai un giro in un asilo e dopo un po’ potrai riconoscere chi ha fatto questo o quel disegno, perché sono originali e rappresentano, senza nessuna incertezza: il loro AUTORE.

    Poi quella di scolpire il tuo nome (il tuo, sia chiaro, io non c’entro) nella storia dell’arte… che ci azzecca con una che copia?…boh 😀

    La mia provocazione (inutile) vorrebbe stimolarvi a non preoccuparvi se sapete fare un fiore come la foto o come un’altro…così la mamma vi dice che bravi che siete!! :((

    Vorrei (davvero con il cuore) che quel fiore fosse il VOSTRO fiore, solo così, al di là della capacità tecnica, verrà premiata e promossa la capacità di espressione (se vuoi ti segnalo anch’io una caterva di trattati, testi, esperienze e studi a riguardo).

    Caro Salvatore, l’espressione e l’originalità sono quello che ci distingue
    quello che ci rende unici…..non serve copiare un riflesso nell’acqua.

    Nel mio pianeta o ti esprimi con quello che hai, con quello che senti e con la tecnica che conosci (che potrai migliorare)…. o riempi con la biro le aree già segnate di ‘che cosa apparirà’ o ricami a punto croce un veliero in tempesta stampato sulla iuta.

    Che la forza sia con voi 😀

    Con cordialità
    Toni

  41. antonio61 dice:

    Complimenti a Cinzia per l’esecuzione del dipinto, che possa piacere o no’ per portarlo a termine è sempre una grossa fatica con dispendio di energie, concordo con robinud50cr che dice di lasciarsi andare anche nel modus di affrontare un dipinto in modo che la tecnica si pieghi alla emozione che è quello che non so fare neanche io e forse non esiste nessuno che può insegnarcelo

  42. fernando54 dice:

    Carisima Cinzia, premetto che il tuo lavoro da un certo punto di visto lo trovo interessante, poiche’ copiare da una foto e’un modo come un altro per iniziare a dipingere, tuttavia vorrei farti notare alcuni piccolo particolari.

    Se prendiamo la tua foto e la accostiamo al tuo dipinto, si puo’ notare che il cespuglio in primo piano e’ poco accentuate e poco lavorato e questo fa si’ che la casa, in secondo piano sembra di essere sullo stesso piano del cespuglio e degli alberi che sono a sinistra.

    Anche lo sfondo, a parer mio, doveva essere lavorato meglio velando un po’ di piu’ gli alberi lasciandoli completamente spogli.

    Comunque grazie per averci resi partecipi del tuo lavoro!

  43. Ottimo Cinzia. La resa dei dettagli è ottima. Chiara l’esposizione dei vari passaggi. Brava veramente!

  44. Sono d’accordo con toni invece di fare un copia e incolla potevi personalizare

  45. antonella dice:

    veramente splendida! bravissima!

  46. Secondo me se Cinzia avesse semplicemente detto … ho realizzato il disegno … per poi passare alla fase pittorica … nessuno si sarebbe scandalizzato. Il punto è: qual’è l’obiettivo del dipinto?

    xFenardo54: non voglio prendere le difese di Cinzia non ne ha bisogno. Probabile che la copia non sia perfettissima al 100%, poco importa. Poichè è un pò di tempo che guardo i lavori altrui da foto ho capito una cosa.

    Se copi da una foto (o da monitor è uguale) … poi fai una foto al dipinto … se l’accosti non sarà mai uguale. Perchè? Il motivo è semplice.

    Se copi da una foto. Prima devi stampare la foto. Tra immagine al monitor a immagine foto già c’è una piccola differenza. Poi copiando il dipinto sicuramente non essendo l’uomo una fotocopiatrice qualche differenza ci sarà. Poi facendo la foto del dipinto (soprattutto se non si è professionisti) ci sarà ancora una piccola differenza. Risultato? Accosti la foto del monitor originale e quella del tuo dipinto e per quanto ti sforzi non saranno mai uguali. Discorso analogo anche se copi da monitor.

    Ora è possibile che ci siano le differenze che dici (sinceramente non ho controllato e non mi va di farlo) ma io ho smesso di fare questa cosa tempo fa quando ho capito che ha poco senso. L’importante è che il dipinto sia convincente. Invece, lo uso come strumento per valutare i miei lavori in corso d’opera e capire dove sono gli errori macroscopici.

    In generale, io credo che se uno è pittore professionista (e Cinzia non lo è come molti qui non lo sono) allora concordo che la copia ha poco senso. Per chi vuole imparare a dipingere copiare è un grande esercizio perchè si impara:
    – color mixing
    – rendering degli oggetti
    – armonizzare il dpinto
    – controllo dei contorni
    – prospettiva aerea
    e tanto altro.

    In fondo, un ritratto dal vero non è sempre una copia … la differenza è che è solo più difficile.

    Diverso poi è il discorso della personalizzazione. Dipende dagli obiettivi che uno si pone quando comincia un dipinto. C’è chi vuole fare una copia e basta (e vi garantisco non è come fare un copia e incolla al computer … altrimenti non si spiega perchè su 100 copie che vedo solo 1 forse è decente) e chi vuole personalizzare.

  47. Grazie tantissimo Cinzia…… Stupenda esecuzione…….. Un meritato brava!!!!!

  48. Come sempre molto brava! Grazie per aver condiviso con noi il tuo lavoro, amo molto i paesaggi e la descrizione dei vari passaggi mi è molto utile. Spero tanto che a questo seguano altri tutorial simili …

  49. Bellissimo dipinto e sopratutto una descrizione ben dettagliata delle varie fasi di pittura.
    Mi hai ridonato la voglia di dipingere, peccato solo del mio scarso tempo x farlo.
    Sinceramente Molto Brava.

  50. brava cinzia lavoro effettuato con cura sei riuscita a mescolare molto bene icolori continua cosi. per quanto riguarda il signore dell altro pianeta ci fu una persona che disegno un cerchio quello era davvero di un altro pianeta….. grazie savatore per tutte l email che ci mandi. roberto

  51. Ciao e grazie a tutti per i commenti.

    E’ difficile far comprendere le cose attraverso il mezzo scritto.

    Tempo fa ricordo una email di un signore (che qui chiamiamo Mario) di cui non ricordo più il nome. Premetto che email così ne ricevo numerose ma quella mi colpì particolarmente. Questo signore mi ringraziava perchè dopo 30 anni aveva ripreso a dipingere comprandosi di nuovo tela, pennelli e colori.

    Non si interessava più alla pittura perchè aveva tentato varie volte ma non ci riusciva proprio, senza una guida era un try e error continuo frustrante e insoddisfacente. Avete mai provato questa sensazione?

    Lui non parlava inglese e sui siti italiani non c’era tantissimo (all’epoca no … oggi le cose sono un pochino diverse). C’erano solo siti dove al massimo pubblicavano il lavoro finito. Ma lui voleva capire come fare per fare un quadro come quello. Lesse un tutorial su questo blog e decise di riprovare. Mi mandò la foto di due o tre dipinti devo dire apprezzabili e lui molto contento del risultato.

    L’email di Mario e di tanti come lui mi hanno sempre fatto comprendere qual’è l’obiettivo di questo blog: essere utile agli altri. Non insegnando … perchè qui nessuno sa e ha da insegnare nulla. Semplicemente fare le cose e condividere cosa si è fatto. Poi ognuno prende quello che gli interessa e può interpretare, creare, cambiare e chi più ne ha più ne metta.

    Scrivereste una poesia cinese senza conoscere la grammatica cinese? Andreste a 200 orari su una moto senza saper mantenere l’equilibrio su di essa?

    Io credo (magari sbaglio) che per creare, essere espressivi, prendere licenze artistiche bisogna prima riuscire a maneggiare il mezzo. E’ vero la tecnica deve essere al servizio dell’espressione … ma almeno prima acquisiscila … altrimenti cosa pieghi … il nulla?

    Il miglior modo per rompere le regole e gli schemi è quello di conoscerli prima.
    Grazie di nuovo a tutti.

    PS
    Non ritornerò più sull’argomento. Chi vuole comprendere le mie ragioni senza pegiudizio … ha gli elementi per farlo. Chi è distante dal mio ragionamente è rispettabile ugualmente ma non credo che riempendo quest’articolo con 100 commenti le distanze si accorceranno. La pensiamo semplicemente in maniera diversa.

  52. Quoto Salvatore al 100% !!!
    Grazie ancora a tutti ! 🙂

  53. Cara Cinzia, capisco che far fare le cose agli altri è la tua specialità (immagine degli altri, colori già pronti etc). Manco sei riuscita a dirci perchè hai copiato così male quella foto (sono d’accordissimo con fernando54 e un abbraccio a V) e ti sei lasciata difendere da Salvatore che ha tirato in ballo anche i santi per difenderti continuando a dire che poi lui non ti difendeva. Non Quotarlo 100%, ma dicci perchè non ci ha fatto vedere cosa fa la Cinzia quando non copia.

  54. Parto con fare i miei complimenti a Cinzia, perchè ? Semplice, perchè guardando “con gli occhi di un bambino” vedo il suo dipinto meraviglioso…
    Poi perchè ha dedicato del tempo a fotografare i vari step del suo lavoro e del tempo a spiegarli dettagliatamente e in maniera semplice e lineare, per tantissima gente, che come me, ha voglia di imparare…
    Questo blog e forum nasce per dare una grande mano a chi ha voglia di apprendere, e ci riesce eccome!
    Se Toni vuole vedere opere originali può andare benissimo a delle mostre.
    Chi dice a Toni che Cinzia non abbia da parte tanti bei fiori suoi? Ma che magari per timore (noi tutti sappiamo che non dovrebbe averne perchè tutto ciò che fa, viene apprezzato) di non essere ancora all’altezza, non li voglia ancora mostrare?
    Si perchè Toni, Cinzia non è molto che dipinge… sono si e no, tre anni. Lo fa con dedizione e amore… Leggere “copia e incolla” mi fa un pò rabbrividire sai? Ti spiego subito il perchè.
    Ho fatto sto dipinto da foto in contemporanea con Cinzia… io si, l’ho personalizzato tanto, e sai perchè? perchè non sono ancora in grado di farlo uguale (uguale per modo di dire, in quanto un dipinto non sarà mai uguale ad una foto…), di avvicinarmi all’originale, di dipingere tutti gli elementi presenti. E Cinzia, sai quanto ci ha messo? Un mese di lavoro… cosa che col copia e incolla non succede…
    Quando si è ancora dilettanti, SI COPIA, si, caro Toni SI COPIA, per arrivare a un punto in cui ci si può sentire soddisfatti del proprio traguardo e provare successivamente a guardare oltre la semplice copia.
    Certo è bello fare qualcosa di proprio, di originale, ma bisogna anche esserne in grado. Poi bisogna anche vedere se ci si accontenta di mostrare le proprie opere magari originali , ma brutte, senza nessuna tecnica, perchè dettate dall’istinto , oppure se si vuole mostrare qualcosa di pensato, di elaborato, di valido anche nella tecnica.
    Mi sembra che la maggior parte delle persone che tiene alla pittura e al disegno, vuole raggiungere questo traguardo imparando più cose e il meglio possibile, per poi sbizzarrire il proprio estro.
    E poi un altra cosa Toni, la domanda mi sorge spontanea… tu disegni? dipingi?

  55. Toni scrive ” ma dicci perchè non ci ha fatto vedere cosa fa la Cinzia quando non copia.”
    Scusa eh se m’intrometto… Ma questo è un articolo, sulla copia di una foto, con medium dell’olio, fatto con vari step di spiegazioni.
    Spiegami tu “perchè Cinzia ti deve dire cosa fa quando non copia…? ”
    Boh, mi sembra che tu ci stia perdendo il sonno la notte!

  56. Chiedo ai gentili utenti di interrompere questa discussione senza senso. Ho l’impressione che il Sig. Toni sia più interessato alla polemica. Non alimentiamola. Del resto non ne sono immuni nemmeno le pagine di artisti come Gurney, Ventrone, Belloso e Muscio figurarsi D&P. E’ il prezzo da pagare quando c’è un minimo di seguito. Registriamo le critiche ma ora finiamola qui.

  57. Ok Salvatore, chiedo venia…

  58. ….Io mollo qui perchè sono uno che trasforma le critiche in informazioni…
    Buon divertimento 🙂

  59. No problem Laura. Io non ho nulla contro il sig. Toni che ha espresso una sua opinione. Solo che un pezzo della discussione sta divergendo in senso polemico e questo non serve a nessuno.

    Non voglio riaprire il discorso però ci tengo a chiarire “per gli altri lettori” il discorso che si cerca di fare qui su D&P. Tempo fa ricordo una discussione analoga su un gruppo Facebook di Ruben Belloso. Una persona criticava i corsi di Ruben sostenendo che lui facesse disegnare con aiuti tecnologici, che quella roba era solo foto dipinta. Avendo visto Ruben dipingere dal vivo la cosa mi fece sorridere un pò. Se non lo vedi dal vivo non riesci a capire quanto sia bravo.

    Ora vale per Ruben i discorsi che facevo sopra … infatti poi dal vero riesce a fare queste cose:
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4038716704387&set=a.1191443844345.21807.1775876993&type=1&theater
    Conoscendolo l’avrà fatto in meno di un’ora.
    Chi conosce Montse … la fidanzata … non solo può capire quanto sia somigliante ma anche quanto questo ritratto sia ben interpretato. Lo stile di Ruben è un iperrealismo che io definisco “impressionista”. Se guardate le sue opere dal vero sono più belle che da foto perchè si vede il tratto, l’interpretazione.

    Ora non sto paragonando Cinzia o me o qualcun altro del blog a Ruben. Lui è veramente su un altro pianeta. Stiamo parlando di una persona che dipinge 8 ore al giorno, tutti i giorni da anni. Oggi lui può interpretare perchè ha acquisito la tecnica e ora veramente la può mettere al servizio della sua espressività.

    La tecnica, indipendentemente dallo stile che si adotta, è una condizione necessaria ma non sufficiente per fare arte.

    Questo cerco di far capire a molti da tempo sul forum che vogliono correre senza saper ancora camminare.

    Quindi io personalmente non mi vergono a dipingere da foto e non mi vergogno a pubblicare lavori di persone brave e capaci come Cinzia che dipingono da foto.

  60. Hai ragione Salvatore , lasciami dire ancora una cosa …….signor Toni , io questo so fare e questo metto a disposizione di chi è interessato . Visto che tu dici che è facile ti invito ad abbassarti a farlo ( solo una volta ) anche tu , o eventualmente a farci vedere cosa fai di così meraviglioso tu . Ancora un consiglio al signor Toni ……….vivi sereno e se qui non ti trovi bene torna sul suo pianeta !!!
    Buona vita e buon viaggio ! 🙂

  61. “Bel tutorial” è il commento scontato perchè di fatto è un bel tutorial.
    Fasi chiare, descritte con precisione, così chiare e precise che fanno sembrare tutto molto semplice, anche quelle cose che non sono affatto semplici ma sono il risultato dell’osservazione e della pratica continua. Addirittura questa impressione di semplicità scatena in qualcuno la voglia di fare una critica al metodo.
    Ok, Cinzia ha copiato, ha fatto un disegno riportandolo con la carta grafite e si è avvalsa della tecnologia come modello per ottenere il risultato che voleva. E con ciò? Non capisco quale sia il problema. Lei cercava un risultato e l’ha ottenuto, dichiarando ciò che ha fatto, non imbrogliando, non facendo qualcosa di scorretto ma applicando un metodo che ha imparato e che è stato utilizzato con modalità diverse ma con procedimenti simili, in passato, tantissime volte anche da artisti che hanno segnato la storia dell’arte; la Storia dell’Arte(la Storia insegna sempre!) è piena di grandi pittori che hanno cercato metodi per velocizzare certe fasi di lavoro, superare velocemente le fasi del disegno per arrivare prima al “succo”, alla fase della pittura. Ed è piena anche di trattati, ricette di colori, manuali che sono stati scritti dai grandi del passato e che hanno definito per filo e per segno come ottenere un determinato effetto, un colore, un’ombra, come risolvere qualunque problema che un pittore incontra dipingendo. Io, come molti sanno, non sono un amante delle copie e spesso dico che la cosa migliore è lavorare di fantasia; ma questa idea in realtà è più una dichiarazione di intenti che un’idea, e questo non credo valga solo per me; significa che io a parità di bellezza, per gusto personale tra due quadri preferisco quello che è frutto di fantasia, e significa che se devo scegliere di fare un quadro, preferisco lessere libero da vincoli, elaborare un’immagine, cambiarla a mio piacimento ed ottenere un risultato che è una mia proiezione mentale.
    Ma questo non vuol dire che non apprezzo il bel quadro solo perchè non è frutto di fantasia; questo significherebbe avere pregiudizi e i pregiudizi non hanno mai portato nulla di buono. Poi c’è sempre l’incognita: e chi mi dice che tanti pittori che sostengono di lavorare di fantasia non hanno in realtà copiato e non usano “ricette” particolari? Se Cinzia non avesse dichiarato di aver copiato da una foto ma si fosse inventata una storiella di “ricostruzione mentale di memorie del passato”, sarebbe stato diverso? E perchè? La realtà è che un bel quadro è un bel quadro e che le teorie dell’arte pura che deve essere nobile, alta, … DIFFICILE… senza trucchetti sono strordinariamente antipatiche e non fanno altro che allontanare da questo splendido mondo chi vorrebbe avvicinarsi.
    Quindi, che siano teorie di maestri veri o sedicenti tali, io non credo siano corrette.
    E’ corretto preferire un metodo rispetto ad un altro ma non è corretto denigrare un altro metodo arrogandosi addirittura il diritto(illegittimo!) di dire che Arte è questo e non quello.
    Un bel quadro è un bel quadro anche se è la copia di una foto. E se comunica qualcosa alla gente è un quadro riuscito.
    Il resto sono chiacchiere che nella storia si sono ripetute ciclicamente e non hanno mai prodotto altro che chiacchiere.

  62. Beh Cinzia, che dire. Bravissima! E’ un lavoro stupendo che raggiunge l’obiettivo di riprodurre alla perfezione la realtà. Per le osservazioni di chi disdegna le copie da foto c’è poco da dire… per me, per criticare, prima si deve dimostrare di saper fare. Altrimenti stare zitti è buona regola… In ogni caso, ancora brava! E concordo con chi ha detto che avresti dovuto vincere il premio per Artista dell’Anno… vabbè dai, tu l’avevi già vinto, per sta volta ho vinto io, sempre con un ritratto da foto: non saremo artiste, ma chi se ne frega, l’importante è fare ciò che piace! Grazie ancora per il tutorial!!!

  63. Beh , grazie Antonio e grazie Vale
    Vale la tua vittoria è strameritata su questo non ci piove , poi come dici tu l’importante è fare ciò che ci piace e condividerlo , che è un altro lato bello della nostra passione .

  64. Molto bello complimenti.

  65. Credo che ci siamo spiegati e che ci siamo capiti.
    Non ho colto bene il senso delle vostre strategie: prima dite che finisce la polemica, io accetto e voi la riprendete il post dopo. A Salvatore ho descritto il mio ruolo e i miei intenti e che di polemica non si trattava. Io davvero mollo qui. Lascio la palla a Salvatore se spiegarvi le mie ragioni o no, così saprò con i fatti se vi interessa un’altro punto di vista o no.
    Ciao a tutti

  66. ferruccio dice:

    molto interessante e chiaro per noi che stiamo sempre imparando

  67. roberta dice:

    Brava Cinzia, una sola domanda. Come mai dai tre mani di vinavil+ acqua come base? Che vantaggio se ne ha? Te lo chiedo perché anch’io uso spesso l’MDF e all’inzio, nelle prime mani, sembra che il colore “scivoli”, come se il materiale fosse impermeabile. Forse il tuo metodo é una soluzione?
    Grazie e complimenti

  68. Grazie per la lezione, generosa e particolareggiata. L’effetto è suggestivo ed emozionante. Vera artista e insegnante, complimenti!!!!

  69. Veramente brava sia come artista che come insegnante, complimenti!!! Presto invierò un articolo sulla tecnica
    della” flash art” del maestro Francesco Mancini. ho detto presto, almeno spero!

  70. fernando54 dice:

    Carissimo Salvatore,

    se tu legessi con calma le cose che vengono scritte forse capiresti che in tutto cio’c’e’ una critica costruttiva e non distruttiva nei confronti di Cinzia e del suo lavoro.
    In parole povere ho semplicemente fatto notare a Cinzia alcune cose cosi’ come vennero fatte notare a me dal pittore piemontese Orlando Zangrossi che ebbi il picere di conoscere e di frequentrare molto tempo fa.

    Se si comincia a fare pittura sorvolando sulle cose che subito cadono sotto la nostra attenzione allora faremo della pittura della domenica, mentre credo che qui ci siano persone che possono fare piu’ che I pittori della domenica (questa e’ un’espressione per definire cio’ che non era Ligabue Antonio) e Cinzia puo’ fare di piu’, mentre tu la stai difendendo e coprendo come una chioccia con I suoi pulcini (ricorda che una tigre e’ tigre quando la foresta alle sue spalle e’ finita) quindi credo che anche Toni sia da prendere in forte considerazione per quello che ha detto senza “cercare” tra le righe cio’ che non c’e’.

  71. Ciao Fernando54,
    Non credo Cinzia abbia bisogno delle mie difese. Se scriviamo su un blog è anche per ricevere critiche. Ho riletto la tua critica iniziale e mi sembra una critica tecnica accettabile che Cinzia valuterà da sola se considerarla o meno.

    Quello su cui mi scagliavo erano critiche anche loro legittime ma su temi discussi e ridiscussi qui su blog e forum centinaia di volte. Il tuo commento con queste critiche non c’entrano nulla … infatti non ho discusso il tuo commento.

    Io voglio che questi punti devono essere chiari:

    1. D&P non promuove tecniche atte a sorvolare il disegno con escamotage di varia natura. Quando questi vengono usati le motivazioni l’abbiamo detto più volte.
    2. D&P non ha pretese di essere un faro nel mondo dell’Arte ne vuole esserlo. Spesso abbiamo obiettivi anche molto più terra terra, ma sempre misurabili e tangibili (mai aleatori o eccessivamente filosofici)
    3. D&P promuove copie di lavori solo come mezzo per impratichirsi della tecnica.
    4. D&P non sacrifica la creatività in favore del perfezionismo tecnico e l’esattezza delle copie.

    Qui a D&P crediamo che la conoscenza non ostacola la creatività, bensì l’alimenta. Prima di rompere le regole … bisogna prima conoscerle.

    Questo è quanto. Se siamo d’accordo su questi punti … poi si può criticare quanto si vuole, i commenti non vengono cancellati.

  72. Cinzia dice:

    Leggo ora il seguito delle polemiche .
    Fernando , ho accolto con molto piacere le tue critiche . Scusa se non ho risposto ma sono stata distratta da altro ( purtroppo ) . Le tue si che sono critiche costruttive al contrario di quelle altre …..che di costruttivo non avevano nulla , anzi semmai direi che erano distruttive visto che erano impregnate sul fatto di sminuire il mio lavoro . Io le critiche le ho sempre accettate se insieme ci sono dei suggerimenti . Per i cespugli in primo piano , sono più definiti di quello che si vede in foto , mentre per gli alberi hai ragione a dire che dovevano essere velati di più ( infatti da qualche parte l’ho detto che sono la parte che mi piace meno ) e comunque ci sono molti altri errori in questo dipinto ,evidentemente ho ancora tanto da imparare 🙂

    Rispondo anche a Roberta . Probabilmente l’mdf che usi tu ha un trattamento diverso da quello che uso io , perché io ho il problema inverso e cioè di troppa assorbenza , inoltre dopo un po’ che ci dipingo sopra cominciano ad uscire i pelucchi del materiale . La mia imprimitura serve ad evitare queste cose .

  73. Bello il quadro, anche se un po’ scuro (è una mia impressione discutibile).
    Mi è piaciuta la tecnica, anche perché sto finendo un quadro autunnale sul “fiume Molgora”, un quadro ad olio che iniziai almeno 20’anni fa.
    Nel leggere che hai preparato il supporto con Vinavil ed acqua, ho pensato che la tecnica usata da te sia stata quella dei colori acrilici. E’ vero??
    ciao Uber

  74. Cinzia dice:

    Ciao Uber , no io uso solo colori ad olio e ti assicuro che con quella preparazione , che serve a rendere meno assorbente questo tipo di supporto , si lavora benissimo con i colori ad olio .

  75. Angelino dice:

    interessante articolo 🙂

  76. Scusate se arrivo un anno più tardi a commentare questo articolo (purtroppo mi sono iscritto solo un paio di mesi fa) ma devo manifestare solidarietà a Salvatore e Cinzia che non solo si impegnano a condividere tutto il massimo possibile sfruttando le tecnologie offerte dal web 2.0 ma devono anche sopportare commenti che non hanno nulla di costruttivo.
    mi domando il signor TONI quali commenti si trova a fare se dovesse capitare al museo Pio Clementino davanti alle opere dei copisti romani (così venivano chiamati prima che potessero, dopo sì, contribuire con originalità ad innumerevoli opere d’arte) ma sarei curioso di conoscere i suoi commenti davanti alle opere del grande Alberto Burri.
    Probabilmente non conosce il gusto di svegliarsi la mattina e sfregarsi le mani nell’attesa di far qualcosa che “piace” che “ardentemente piace” siano disegni o pitture originali oppure il gusto viscerale di riprodurre una medesima armonia di colori, riconoscendo, con tale gesto, la maestria di colui che lo ha fatto per primo oppure riconoscendo la bellezza della natura nel formare colori che la mente neanche riesce ad immaginare.
    A me non piace la flashArt ma non per questo biasimo coloro che applicano una tecnica per produrre quadri in meno di 5 minuti, prendo atto di come si fa, li ringrazio di aver condiviso quello che sanno e decido io se seguirne le orme oppure passare ad altro.
    Pertanto cari TONI e FERNANDO mostrateci la vostra arte in modo che i lettori di questo blog possano apprezzarla e catturarne i più piccoli frammenti

  77. Sempre per Toni, nel caso avesse intenzione di leggere ancora commenti su questo articolo, perchè in ultimo dice ….” A Salvatore ho descritto il mio ruolo e i miei intenti e che di polemica non si trattava…..” ma qualche post prima scrive: “Cara Cinzia, capisco che far fare le cose agli altri è la tua specialità (immagine degli altri, colori già pronti etc). Manco sei riuscita a dirci perchè hai copiato così male quella foto”
    Fa veramente male leggere i post di alcuni troll come Toni che inquinano questo bellissimo blog, inoltre se si manifestasse con nome e cognome almeno potrebbe prendersi la responsabilità di ciò che dice perchè tali frasi sono al limite della diffamazione con corrispondente risarcimento del danno e che non hanno nulla di costruttivo ma soltanto “offensivo”.
    Rinnovo l’invito a Toni a mostrarci alcune sue opere e svelare qualche sua tecnica poichè, sono convinto, a tutti i lettori del blog piacerebbe imparare sempre di più e meglio.

  78. Bellissimo .. Ma come fai a fare il fiume così lucido ? Io sono 3 giorni che sto su un lago passò e ripasso ma niente e sempre OPACO

  79. caro salvatore nn ko parole per esprimere il tuo capolavoro bellissimo io nn sarò mai in grado di farlo

  80. Daniela dice:

    Buonasera, ho conosciuto oggi “disegnoepittura” e ringrazio in anticipo il sig. Salvatore: mi piacerebbe iniziare a dipingere ad olio e sicuramente penso di aver trovato il punto di riferimento che cercavo da adesso in poi.
    Grazie per la generosità e la dedizione nel condividere tutte queste informazioni con noi!
    Alla pittrice Cinzia faccio veramente molti complimenti, per aver dipinto questa tela con effetto davvero realistico e fedele alla fotografia.
    Spero anch’io di raggiungere un giorno una così bella padronanza della tecnica di pittura ad olio.
    Quanto a qualche commento sgradevole ed inopportuno e per fortuna isolato che ho letto…beh, mi limito a citare Esopo:
    “Una volpe che aveva fame, come vide su una vite dei grappoli sospesi, volle impadronirsene ma non poteva.
    Allontanandosi disse fra sé: “Sono acerbi”. Così anche alcuni uomini, non potendo raggiungere i propri scopi per inettitudine, accusano le circostanze”.
    Cari saluti!
    Daniela

Parla alla tua mente

*